Cosa porterà la conferenza sulla pace e lo sviluppo di Zaev e Tsipras?

Foto: 2021 / archivio / EPA-EFE/GEORGI LICOVSKI

A sei anni dalla firma dell’accordo di Prespa, politici, funzionari ed esperti europei e della regione si concentreranno sugli sviluppi nei Balcani e nella regione, sulla crisi climatica, sull’economia e sul futuro dell’Europa dopo le elezioni europee. è quanto annuncia l'odierna conferenza internazionale sul tema "Pace e sviluppo sostenibile", organizzata ad Atene dal neo fondato "Istituto Alexis Tsipras" e dalla "Fondazione Zaev".

La conferenza si terrà oggi e domani al Conservatorio di Atene e comprenderà 8 tavole rotonde.

-Due temi sui Balcani e due sugli sviluppi regionali e il ruolo delle organizzazioni internazionali nella promozione della pace. Un tema riguarderà la crisi climatica e l’agenda verde, uno gli sviluppi nell’economia europea e greca, e due il futuro dell’Europa e la gestione dell’estrema destra. Parteciperanno personalità dell'area internazionale, europea, balcanica e della regione più ampia, primi ministri, ex presidenti, primi ministri e ministri, commissari europei, accademici, eminenti scienziati, direttori di istituti, ecc. L'ambizione dei due co-organizzatori è quella di tenere annualmente, ogni giugno, in occasione dell'anniversario della firma dell'Accordo di Prespa, la "Conferenza internazionale per la pace e lo sviluppo sostenibile" e di rappresentare una solida iniziativa per il sostegno continuo e l'attuazione dell'Accordo di Prespa L'accordo lancia un forte messaggio di pace contro il nazionalismo che si è rivelato così pericoloso nei Balcani, in Europa e nella regione, annuncia l'Istituto "Alexis Tsipras" sul suo sito ufficiale.

La conferenza sarà aperta a tutti i cittadini greci che vorranno partecipare e seguirla, in base all'ordine di arrivo, e sarà trasmessa in diretta, con una trasmissione via Internet.

A poche ore dall'inizio dei lavori della Conferenza, l'ex primo ministro greco ed ex leader del partito di sinistra d'opposizione SYRIZA, Alexis Tsipras, ha sottolineato che "ci sforziamo di esprimere ideologicamente, ma anche in modo proattivo, la logica dell'ottimismo, che è necessario nel nostro tempo. L'ottimismo della volontà, che conosce e può combinarsi con il pessimismo dell'intelletto."

Più precisamente, nella parola introduttiva intitolata “Un messaggio per voi”, Alexis Tsipras scrive che “in un mondo frammentato dalle guerre, dal divario tra la maggioranza e le élite, dalla distruzione sistematica dell’ambiente e infine dall’attacco dell’estrema destra , l'Istituto vuole darci il suo messaggio: No, ridiamo e non possiamo restare indifferenti. Dobbiamo dare spazio al pensiero, alla riflessione, al dialogo che sfida gli stereotipi e cerca il nuovo", conclude l'ex primo ministro greco.

Ha iniziato il messaggio con versi di Manolis Anagnostakis che riassumono il significato della creazione di questo Istituto: "Ora vidi; Quanti tesori nascosti dovevo preservare; Quanti nidi d'acqua dovrò mantenere tra le fiamme.'

Il suo Istituto studia la realtà per proporre vie realistiche e vie aperte per cambiarla.

"Pianificare, decidere, coltivare, cercare, sviluppare, proteggere, costruire, accettare, unire. Queste azioni attive esprimono la disposizione e la decisione di partecipare attivamente, a modo nostro e con i nostri mezzi, al grande sforzo, che si manifesta con iniziative in Grecia, in Europa, nel mondo che prevede e segue un altro concetto e un altro modello di sviluppo , che deve essere sostenibile ed essere raccolta da tutti, con giustizia. Un approccio etico ai problemi sociali ed economici del nostro tempo, alle contraddizioni sociali, ai temi della pace e della guerra, alle pratiche dominanti, che minacciano perfino la vita sul pianeta. Accogliamo e abbracciamo la ricchezza delle opinioni, l'energia del dialogo, la forza motrice della diversità e del confronto", fanno parte degli obiettivi dell'Istituto.

Tra i relatori annunciati alla Conferenza figurano il sindaco di Atene, Harris Doukas, nonché l'ex primo ministro e presidente del PASOK, Giorgos Papandreou, e l'attuale presidente di SYRIZA, Stefanos Kaselakis.

La Fondazione Zaev - One Society for All è stata fondata l'8 giugno 2022 come organizzazione non governativa e senza fini di lucro per lo svolgimento di attività e attività per il progresso, il sostegno e lo sviluppo della società, la salute pubblica, l'educazione dei giovani, la protezione dell'ambiente , sport, cultura, arte e comunità imprenditoriale, con sede a Strumica.

Gli ex primi ministri Zoran Zaev e Alexis Tsipras sono stati nominati per il Premio Nobel per la pace nel 2019 e hanno ricevuto il Premio internazionale di consolazione per la pace della Westfalia per il 2020 grazie all'accordo di Prespa, che ha risolto la disputa sul nome greco-macedone durata quasi tre decenni.

La polizia greca ha vietato una manifestazione di protesta contro la conferenza di Zaev e Tsipras ad Atene

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 100 DENARI

Video del giorno