Cosa fare se vieni morso da un serpente e cosa non fare

Foto: Profimedia

I serpenti attaccano le persone per paura e solo se li calpesti. I serpenti sono anche molto pericolosi nella stagione degli amori o durante l'allattamento di un giovane, ma anche in questo caso, se ti ritiri senza movimenti improvvisi, non attaccherà. Se il serpente viene calpestato, istintivamente si girerà e ti morderà la gamba. I serpenti velenosi difficilmente differiscono per velocità da quelli non velenosi, ma la cosa principale è che i serpenti velenosi hanno una testa nettamente triangolare (nei serpenti non velenosi è più ovoidale) e un collo molto stretto, mentre nei serpenti non velenosi questo è non è il caso.

Ci sono diversi tipi di serpenti che vivono nella nostra zona, tre dei quali sono velenosi: il serpente, il serpente e il serpente dalla testa aguzza, mentre gli altri sono innocui. Questi tre serpenti velenosi sono meno velenosi dei serpenti africani o asiatici come il cobra o il mamba nero, quindi il loro morso è raramente fatale. L'opossum è più velenoso degli altri.

I serpenti velenosi hanno da una a due zanne cave legate da una sacca piena di veleno. Quel veleno è secreto da una ghiandola collegata al sacco. Non appena il serpente affonda i denti nella carne della vittima, una certa quantità di veleno viene rilasciata dalla sacca nella ferita.

Nel veleno di serpente, ci sono in realtà due tipi di veleno. Uno agisce in modo distruttivo sul sistema nervoso, il calore non lo distrugge, l'altro agisce sul sangue e sul sanguinamento.
Ci sono persone che sono resistenti al veleno di serpente (immunità). Alcuni nascono con questa resistenza e altri la acquisiscono venendo morsi da un serpente con un veleno più mite o ricevendo un antisiero da un morso di serpente.

Come riconoscere una ferita

Nel sito del morso si possono vedere due piccole ferite da puntura dei denti del serpente che non sanguinano. A volte ce n'è solo uno. Non significa sempre che il serpente abbia lasciato del veleno nella ferita. In ben il 22 per cento delle ferite accertate, non c'erano segni di avvelenamento. Presto appare un anello rosso in quel punto, che diventa blu, cioè la ferita diventa blu e si verifica un gonfiore. Un po 'più tardi, la rigidità si verifica su quella parte del corpo. Una volta che entra nel sangue, il veleno si diffonde in tutto il corpo.

Segni di avvelenamento

  • Vertigini.
  • Vomito.
  • Dolore al sito della ferita.
  • Gonfiore delle ghiandole linfatiche all'inguine se la ferita è sulla gamba, o sotto l'ascella se la ferita è sul braccio.
  • Lo shock è la conseguenza più pericolosa.

Una persona avvelenata si sente anche debole e sviluppa febbre, tremori, vertigini, il suo polso accelera e la respirazione diventa più difficile, si verifica pallore, può verificarsi insufficienza renale parziale o completa. Il sangue può fermare la coagulazione, la persona morsicata spesso vomita e ha la diarrea, perde conoscenza. Successivamente si verificano convulsioni e completa insensibilità (coma). Delirio, confusione e convulsioni preannunciano un'emorragia intracranica, che spesso è la causa immediata della morte.
Se non reagisci in tempo, si verifica la paralisi del centro respiratorio e, subito dopo, il cuore smette di funzionare.

Il sito della puntura è molto importante per lo sviluppo dei sintomi. I morsi di serpente più pericolosi sono quelli sulla testa o sul collo, o se il serpente ha iniettato il veleno direttamente in un vaso sanguigno.

Primo soccorso

Niente panico, perché c'è un sacco di tempo (e più ore) per arrivare dal dottore. Non c'è accordo generale sul trattamento. Tutti concordano sul fatto che è necessario il riposo assoluto, perché il movimento accelera la circolazione sanguigna e l'assorbimento del veleno. Alcuni medici sconsigliano di medicare l'area sopra la puntura, è vietato applicare il ghiaccio a causa dell'aumento della necrosi (morte dei tessuti), è vietata l'incisione (incisione) della ferita e l'estrazione del contenuto. Si raccomanda l'immobilizzazione e il trasporto immediato in una struttura in cui la persona possa ricevere antiveleno.
La maggior parte dei medici ha un'opinione quasi opposta e suggerisce le seguenti procedure: l'arto morso dovrebbe essere legato, stretto moderatamente con una benda immediatamente sopra il sito del morso e immobilizzato. Di tanto in tanto (3-5 minuti) allentare la benda, perché il sangue deve circolare attraverso la parte avvelenata del corpo, cioè dalle vene al cuore. Nel sito della puntura, fai due tagli trasversali (la lettera X) a una profondità di 3-4 mm e lascia sanguinare la ferita. In questo modo, la maggior parte del veleno uscirà con il sangue. Succhiare (succhiare) la ferita con la bocca non è affatto raccomandato, perché anche la più piccola ferita sulla bocca o nella cavità orale, oltre a un dente marcio, è sufficiente per avvelenare chi cerca di aiutare. I tagli vengono eseguiti con coltelli, rasoi o altri oggetti taglienti la cui lama è stata bruciata con una fiamma o pulita con alcol. La terza cosa da fare in un morso di serpente è che una soluzione intensiva di ipermanganese dovrebbe essere applicata sulla ferita e, se possibile, una soluzione all'XNUMX% di ipermanganese dovrebbe essere iniettata tutt'intorno alla ferita. Alla persona morsicata dovrebbero essere somministrati quanti più liquidi possibile, ma senza alcol. Dovrebbe quindi essere trasportato alla struttura medica più vicina dove riceverà il siero anti-morso di serpente.

Trattamento

Il siero antiviperinum deve essere somministrato il prima possibile (per via endovenosa o intramuscolare), secondo il protocollo con test di ipersensibilità. Il siero antiviperinum è efficace contro i serpenti semi-velenosi e velenosi che si trovano in Europa.

Ai bambini con malattie o reazioni allergiche, quando si ottengono i dati nell'anamnesi familiare personale, è desiderabile somministrare il siero antiviperinum in condizioni ospedaliere, per via intramuscolare e con cautela.

Un tampone microbiologico deve essere prelevato dalla ferita e quindi risciacquato con un agente antisettico.
In tutti i casi è necessario controllare e implementare la protezione antitetanica e somministrare antibiotici che coprano la flora Gram-negativa e anaerobica che domina la bocca del serpente.

È necessario eliminare il dolore somministrando analgesici. In caso di emolisi pronunciata, deve essere somministrata la trasfusione con eritrociti concentrati e, nel caso di coagulazione intravascolare disseminata, il plasma.

È necessario mantenere la diuresi e prevenire o curare lo shock. Il trattamento chirurgico è necessario quando si verifica la necrosi dei tessuti. In caso di ampio gonfiore che perturba la circolazione arteriosa degli arti, è indicata una fasciotomia urgente.

Gli errori più comuni da non commettere

– Non fasciare l'arto.
– Non toccare la ferita.
– Non cercare di rimuovere il veleno.
– Non mettere ghiaccio sul sito della ferita.

Prevenzione

Alcune ferite, come quando si calpesta accidentalmente un serpente, sono quasi impossibili da prevenire. Tuttavia, ci sono precauzioni che possono ridurre notevolmente la possibilità di essere morsi da un serpente.

• Lascia stare il serpente. Molte persone, quando vengono morsi, cercano di fare del male al serpente.

• Evitare l'erba alta se non si dispone di un abbigliamento adeguato.

• Non mettere mani e piedi in luoghi non visibili.

• Non raccogliere pietre o pezzi di legno a meno che non siate abbastanza lontani da un potenziale attacco di serpente. Fai particolare attenzione se stai scalando le rocce.

Video del giorno