Nell'UE si parla ma non si decide sulla selezione dei più alti funzionari

Bandiere dell'Unione Europea / Foto: MIA

La presidente della precedente composizione del Parlamento europeo, Roberta Mezzola, prima dell'inizio della riunione informale dei capi di Stato e di governo dei Paesi membri, che discuterà dell'elezione delle più alte cariche dell'Unione, ha affermato che le elezioni per il Parlamento europeo ha dimostrato che la democrazia è viva e che le forze europeiste possono continuare a cooperare.

"I risultati delle elezioni europee devono essere presi in considerazione quando si sceglie il presidente della Commissione europea, e posso confermare che la maggioranza dei gruppi politici al Parlamento europeo sostiene il processo di scelta dei principali candidati", ha detto Mezzola.

Lei ha aggiunto che il Parlamento europeo è pronto a collaborare con il Consiglio dell'Unione europea nell'attuazione della procedura per l'elezione del presidente della Commissione europea, in conformità con il Trattato sull'Unione europea e le procedure stabilite.

"Si aspetta buoni progressi stasera, così potremo cominciare a lavorare", ha aggiunto Mezzola, confermando anche di aver presentato la sua candidatura alla presidenza del Parlamento europeo anche nel nuovo mandato.

Il primo ministro olandese uscente Mark Rutte, al suo arrivo alla riunione, ha affermato che, esaminando l'intero pacchetto di nomi dei candidati per le posizioni dirigenziali nell'UE, ritiene che sia possibile raggiungere rapidamente un consenso. Rutte ha sottolineato che Ursula von der Leyen è un'ottima candidata alla presidenza della Commissione europea, ma che tutte le posizioni saranno decise in un pacchetto, aggiungendo che stasera non verrà presa alcuna decisione.

"Mi aspetto che raggiungeremo un consenso in questo incontro informale, e la decisione formale sarà presa la prossima settimana", ha detto Rutte.

Anche il primo ministro irlandese Simon Harris ha sottolineato che stasera non verrà presa alcuna decisione, ma inizieranno solo le discussioni per eleggere i titolari delle posizioni dirigenziali nell'UE.

"Si spera che tali decisioni vengano prese entro la fine di questo mese." Penso che sia importante chiarire rapidamente queste cose. Dobbiamo farlo nel modo giusto, ma dobbiamo anche farlo con un certo grado di efficienza”, ha aggiunto Harris.

Il primo ministro danese Mette Frederiksen ha affermato che è ancora troppo presto per parlare di nomi specifici, sottolineando che lei non è in corsa per nessuna posizione, sebbene sia stata menzionata come candidata alla presidenza del Consiglio UE.

"È importante prendere una decisione rapida. Sono assolutamente sicuro che troveremo buone soluzioni, ha affermato Frederiksen, aggiungendo che dal suo punto di vista e da quello danese, Von der Leyen ha "fatto un buon ed eccellente lavoro" nella gestione della Commissione europea.

Il presidente slovacco Peter Pellegrini, arrivando alla riunione, ha affermato che la Slovacchia sarà costruttiva nella scelta dei principali candidati.

"Cerchiamo l'unità. Dovremmo stare molto attenti a chi rappresenterà l’Unione europea e la Commissione a livello internazionale. E di questo bisogna parlare, per non creare una tensione ancora maggiore di quella che è in realtà, serve una persona che possa calmare la situazione, che ora è sotto enorme tensione", ha detto Pellegrini.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno