Ministro degli Esteri croato: Balcani aperti non hanno opportunità per il processo di Berlino

Gordan Grlic Radman / Foto: Archivio

L'Unione europea sostiene qualsiasi iniziativa interstatale che includa l'inclusione, ma gli Open Balkans non hanno le capacità operative che ha il processo di Berlino, ha affermato il ministro degli Esteri croato. Gordan Grlic Radman.

In un'intervista a RTCG, il ministro croato ha affermato che la posizione di Ue e Croazia è di sostenere qualsiasi iniziativa che faccia parte del percorso euro-atlantico, europeo e che implichi il coinvolgimento di tutti i paesi della regione.

"Se hai la duplicazione di alcuni processi, devi vedere un focus su iniziative che ottengono valore aggiunto. "Quando parliamo di Common Market Initiative, Open Balkans, include solo tre paesi, devono mostrare inclusività e perseguire alcuni interessi", ha affermato Grlic-Radman.

Ha aggiunto che gli sembrava che gli Open Balkans "non avessero adeguate opportunità di attuazione operativa", al contrario "dell'iniziativa comune di mercato regionale nell'ambito del processo di Berlino, che è supervisionata dal Consiglio di attuazione in coordinamento con l'UE".

"Consideriamo il processo di Berlino una buona iniziativa e sosteniamo fortemente il processo di Berlino", ha affermato Grlic Radman.

Video del giorno