È probabile che il Centro abbia mappato quasi 700 strutture pubbliche che inquinano l'aria in Macedonia

Inquinamento atmosferico a Skopje / Foto: EPA-EFE / GEORGI LICOVSKI

Non c’è città che non abbia una serie di strutture pubbliche che inquinano l’aria nel suo nucleo urbano. Skopje è in testa, ma anche i cittadini di Tetovo, Kumanovo, Bitola, Prilep, Ohrid, Shtip, Gostivar sono in una posizione poco invidiabile.

L'iniziativa dei cittadini Chance for a Center nella sola Skopje ha mappato oltre 100 strutture pubbliche: ospedali, asili, scuole, caserme, tribunali... e altre istituzioni che utilizzano petrolio e olio combustibile nonostante la città disponga di riscaldamento centralizzato. Dopo la mappatura di Skopje, è stata effettuata la marcatura in tutta la Macedonia e sono stati identificati quasi 700 oggetti di questo tipo.

- Non c'è città che non abbia una serie di strutture pubbliche che inquinano l'aria nel suo nucleo urbano. Skopje è in testa, ma anche i cittadini di Tetovo, Kumanovo, Bitola, Prilep, Ohrid, Shtip, Gostivar sono in una posizione poco invidiabile... quasi nessuno viene risparmiato. In questa stagione di riscaldamento potranno essere utilizzati oltre 16,5 milioni di litri di gasolio da riscaldamento e oltre 4,8 mila tonnellate di gasolio combustibile. Li respireremo! Secondo Chance for the Center, per il riscaldamento stagionale i cittadini pagheranno più di 20 milioni di euro attraverso i bilanci statale e comunale.

Lanciano un appello affinché facciano pressione sui parlamentari e sui consiglieri affinché si impegnino nei bilanci per il 2024 nelle loro circoscrizioni elettorali per dare a tutti i comuni la possibilità di diventare più puliti.

– Nuovo Bilancio, nuovo inverno, nuovo inquinamento, nuove possibilità. Se non vogliamo respirare l'aria che i media mondiali descrivono come "che puzza di plastica bruciata", ora è l'occasione per fare un cambiamento! È in preparazione il nuovo bilancio statale per il 2024, che è l’occasione per rivolgersi ai deputati di ogni circoscrizione elettorale e insieme possiamo spingere per più soldi per combattere l’inquinamento atmosferico! Anche i bilanci comunali sono in fase di preparazione, quindi il loro coinvolgimento nella lotta contro l'inquinamento deve essere mirato ai problemi atmosferici locali già rilevati derivanti dal riscaldamento degli impianti comunali. Nel 2023 NON è stato apportato un cambiamento al metodo di riscaldamento in un gran numero di edifici pubblici riscaldati con petrolio e olio combustibile per ridurre l'inquinamento atmosferico in inverno. CONTINUERANNO a inquinare quest'inverno e saremo di nuovo tra i tre paesi più inquinati d'Europa, indica l'annuncio dell'iniziativa civile Chance for Center.

La nuova mappa degli impianti pubblici riscaldati con olio combustibile e gasolio su tutto il territorio nazionale è disponibile qui di seguito collegamento.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno