SDSM e VMRO-DPMNE in un'accesa controversia su riscaldamento ed elettricità

Sessione di assemblea / Foto: Sloboden Pechat - Dragan Mitreski

Il leader di VMRO-DPMNE, Hristijan Mickoski, ritiene che SDSM non abbia accettato la loro proposta di inserire le società pubbliche nel mercato elettrico regolamentato, perché la maggior parte dei sindaci proviene da VMRO-DPMNE, e il primo ministro Dimitar Kovacevski afferma che la decisione è stata fatto in modo che non ci fosse interruzione dell'insegnamento con presenza fisica

VMRO-DPMNE e SDSM stanno usando la grave crisi energetica per le lotte e i punti politici quotidiani invece di cercare insieme una via d'uscita, quindi le loro proposte sono state accusate di essere fatte per interesse di partito e non di stato. Il leader dell'opposizione, Hristijan Mickoski, ritiene che SDSM non abbia accettato la loro proposta di trasferire le imprese pubbliche nel mercato regolamentato dell'elettricità, insieme a ospedali e scuole, perché la maggioranza dei sindaci è di VMRO-DPMNE, e il primo ministro Dimitar Kovacevski afferma che la decisione è stata presa affinché non vi sia interruzione della didattica con la presenza fisica, ma che i comuni siano comunque riusciti a riequilibrare i bilanci nei tempi previsti.

In relazione all'offerta di Mickoski al governo per la fornitura di energia elettrica a basso costo, il presidente del Consiglio lo ha invitato a presentare i contatti al ministero dell'Economia.

"Ci sono commissioni, nessuno guarda le offerte. Naturalmente, il migliore sarà accettato", ha detto ieri Kovacevski alla sessione delle interrogazioni parlamentari.

Mickoski, invece, ha avvertito in conferenza stampa che la crisi energetica sta diventando una crisi finanziaria, che i cittadini sono molto preoccupati e ha chiesto un incontro con Kovacevski, oltre a un dibattito pubblico con lui.

"Quello che ha detto riguardo agli impianti di riscaldamento di Skopje non corrisponde all'essenza. La mia informazione è che il loro proprietario non è ancora in grado di prenderne possesso a causa del curatore fallimentare. Ho visto anche un'intenzione disonesta quando ha cercato di parafrasare la richiesta di VMRO-DPMNE per il trasferimento di utilities e società di gestione dell'acqua al mercato regolamentato. La conclusione è che quando queste società presenteranno i loro rapporti annuali alla Commissione di regolamentazione dell'energia, con la sua metodologia, porterà un prezzo per questi servizi da due a tre volte superiore a causa della costosa elettricità che non possono servire. Migriamo le imprese in modo che ciò non avvenga", ha suggerito Mickoski.

Ieri i due partiti hanno anche discusso su chi ha fatto per primo le proposte che il governo ha adottato l'altro ieri, quindi VMRO-DPMNE ha detto che erano loro, e SDSM e Kovacevski hanno affermato che l'opposizione ha solo sublimato le loro idee di prima.

Uno dei punti dei parlamentari dell'opposizione in sessione parlamentare è stato che il governo vuole addebitare commissioni e quindi rifiuta l'offerta di Mickoski.

"Mickoski ti ha offerto contatti per fornire materie prime per la produzione di elettricità negli impianti domestici, che saranno utilizzati dall'economia e saranno due volte più economici. Se ti rifiuti di fornire elettricità due volte più economica per l'economia, c'è una sorta di contratto dietro, una sorta di commercio di caramelle in modo che tu possa addebitare una commissione per quelle materie prime che fornirai?", ha chiesto il deputato Bojan Stojanoski .

E Levica ha reagito dicendo che le misure sono "cattivo plagio" di quelle da lei proposte.

"Le misure presentate attutiranno solo in parte il colpo che deriva dal prezzo elevato dell'elettricità. Se è noto che il 100 per cento dell'elettricità per il fornitore universale è fornita dall'ESM statale e che il margine di "EVN Home" è dell'11,5 per cento, sorge la domanda sul perché le scuole dovrebbero andare al mercato regolamentato e non essere rifornite dal dichiarare ESM Sales dopo lo stesso prezzo che avresti su un mercato regolamentato, che eviterebbe il margine verso "EVN Home"? Perché tutte le istituzioni statali, le aziende pubbliche e statali, i comuni e le società di servizi pubblici vengono evitate dal provvedimento che l'ESM Sales statale le fornisce a un prezzo accessibile a tutti, il che fermerebbe il deflusso di denaro pubblico alle società private che commerciano elettricità?" , chiede. A sinistra.

Video del giorno