Solo un evento simbolico: perché i russi si sono ritirati da Snake Island: due eventi sono fondamentali per questo

Snake Island Ucraina Mar Nero
Immagine satellitare dell'isola presa da Maxar Technologies / Foto: Profimedia

"Le forze russe si sono ritirate da Snake Island al largo della costa ucraina del Mar Nero in segno di buona volontà", ha affermato il ministero della Difesa russo. E il presunto "segno di buona volontà" si riferisce agli sforzi delle Nazioni Unite per organizzare un corridoio umanitario per l'esportazione di prodotti agricoli dall'Ucraina, quindi Mosca sta facendo una buona azione lasciando Snake Island.

L'unica cosa che il Ministero della Difesa russo non ha menzionato è il fatto che sono stati costretti a farlo dalla donazione statunitense di lanciamissili multicanna M142 ad alta mobilità (HIMARS). L'esercito ucraino trasportò uno dei primi HIMARS prima a Odessa e poi un po' più a sud, vicino a Snake Island. Il primo attacco è stato annunciato il 21 giugno, quando le immagini satellitari hanno mostrato almeno tre siti dell'attacco. Le immagini satellitari del 23 giugno hanno mostrato un'area di impatto significativamente più ampia dei missili ucraini.

Due eventi chiave

Poiché Snake Island è essenzialmente una roccia leggermente più grande, la capacità della Russia di dispiegare manodopera e armi era gravemente limitata. E i missili M30 e M31 elencati lanciati da HIMARS hanno una portata di almeno 70 km (secondo il produttore Lockheed Martin), ma anche una guida inerziale / GPS combinata in modo che la loro precisione non diminuisca con l'aumentare della portata.

Ogni volta che HIMARS colpisce, può sparare sei missili M30 / 31 in pochi secondi. Piccoli e abbastanza veloci da schivare i sistemi antimissilistici russi Tor e Panzer-S1, i missili hanno colpito impunemente le posizioni russe su Snake Island, rendendo apparentemente l'isola la parte più pericolosa del campo di battaglia ucraino per le truppe russe.

Un evento altrettanto importante che ha stimolato la "buona volontà" della Russia è avvenuto pochi giorni prima. Il 17 giugno, il ministero della Difesa ucraino ha annunciato la buona notizia che due missili antinave Harpun avevano affondato il russo Vasily Beck, che era in rotta verso Snake Island, trasportando armi e personale.

Per confermare la loro affermazione, hanno anche rilasciato filmati dai droni che mostrano i due missili che colpiscono il bersaglio. Beck è stato colpito anche se stava navigando in modo tale che in ogni momento tra lui e la costa ucraina c'era l'isola dei serpenti, dietro la quale cercavano di nascondere le ombre del radar. L'affondamento di Beck dimostrò che qualsiasi ulteriore tentativo di rifornire l'isola di navi da guerra più grandi sarebbe probabilmente finito lo stesso.

Le perdite superano i guadagni

Con i droni ucraini che giravano costantemente su Snake Island, la fornitura di elicotteri non era priva di rischi. A velocità superiori a 2500 km / h, i missili HIMARS impiegano 100 secondi per volare 70 km. Questo non è abbastanza per un elicottero per atterrare in sicurezza, scendere e decollare di nuovo. Lo stato maggiore russo alla fine concluse che le perdite avrebbero superato i guadagni e fu presa una decisione di "buona volontà".

Anche gli ucraini non possono semplicemente "camminare" verso Snake Island. Quello che hanno fatto ai russi, i russi possono restituire. Se gli ucraini cercheranno di stabilire una base sull'isola e di schierarvi sistemi antiaerei e missili anti-nave, saranno immediatamente colpiti da missili da crociera e/o balistici russi.

La difesa aerea ucraina attualmente non ha armi per difendersi da questi attacchi. Dopo essere venuto da occidente, non lo collocherà certo su uno scoglio in mezzo al mare, ma lo utilizzerà per difendere le città. La marina ucraina può inviare diverse truppe sull'isola per issare lì la bandiera dello stato come un atto molto simbolico e nient'altro. Pertanto, Snake Island rimarrà terra di nessuno fino alla fine della guerra.

Restano due problemi

Il fatto è che la marina russa ha già spinto le sue navi da guerra fuori dalla portata dei missili antinave Harpun, che aprono un corridoio lungo la costa ucraina. Ma ci sono due problemi. Il primo è che le navi russe sono rimaste nel Mar Nero meridionale e potrebbero ancora non essere in grado di navigare nei porti ucraini.

Un altro problema sono le centinaia di mine marine che galleggiano nel Mar Nero. I russi incolpano gli ucraini e gli ucraini incolpano i russi per aver allestito campi minati, e probabilmente entrambe le parti hanno allestito mine marine: i russi per impedire la navigazione e gli ucraini per rendere difficile l'atterraggio, specialmente nella regione di Odessa. Molte di queste mine stanno ora navigando in modo incontrollabile lungo il Mar Nero e mettendo in pericolo il traffico marittimo non solo lungo la costa dell'Ucraina ma anche lungo il Bosforo. I media rumeni, bulgari e turchi riferiscono occasionalmente della scoperta e della distruzione di un'altra miniera simile.

La cattura di Snake Island fu un atto simbolico per i russi, e fu solo allora che conquistarono un'isola su cui intendevano stabilire una base di sorveglianza sulla costa meridionale dell'Ucraina. Pertanto, il loro ritiro è una grande vittoria simbolica dell'Ucraina. E niente di più. La soluzione al problema delle esportazioni marittime di grano ucraino, però, dipende dalla buona volontà di Mosca.

Video del giorno