La madre del bambino morto ha avuto una gravidanza controllata e se l'ospedale di Bitola abbia commesso un errore dovrebbe essere stabilito dalla commissione di Arben Taravari

PHI Clinica Ospedaliera "Dott. Trifun Panovski "- Bitola
PHI Clinica Ospedaliera "Dott. Trifun Panovski "- Bitola / Foto: Facebook

Il nuovo Ministro della Salute, Dott Arben Taravari, oggi al tavolo verrà presentata l'iniziativa per formare un apposito comitato di esperti composto da medici specialisti, che dovrà valutare se ci sono delle carenze nel modo di curare la partoriente Zimbreta Tuntevska e il suo bambino Лука кое è morto per 30 ore dopo la nascita, durante il trasporto a Skopje dall'ospedale di Bitola.

Come ha riferito "Sloboden Pechat", il bambino è nato il 14 giugno di quest'anno all'ospedale di Bitola, ma è morto il giorno successivo sulla strada per Skopje, proprio durante il trasporto alla Clinica pediatrica a causa di un precedente peggioramento delle sue condizioni. condizione.

L'iniziativa di formare un comitato di esperti viene dall'Ispettorato sanitario e sanitario statale, che ha completato la sua supervisione nell'ospedale di Bitola, nella clinica pediatrica e nello studio privato dove la madre in travaglio controllava la sua gravidanza.

Dal rapporto DSZI risulta che ciò che l'ospedale di Bitola "Dr. Trifun Panovski" ha affermato ai media - cioè che Zimbreta Tuntevska ha avuto una gravidanza incontrollata - non è vero. Lei ha controllato la sua gravidanza, ma non nell'ospedale di Bitola, bensì nello studio privato del ginecologo Toni Anastasievski, dove era ricoverata dallo scorso dicembre.

L'ispettorato sanitario statale ha anche scoperto che prima del parto con taglio cesareo, la madre ha effettuato l'esame emocromocitometrico nell'ospedale di Bitola, sono stati analizzati i fattori della coagulazione e il gruppo sanguigno. Queste sono tutte procedure standard prima di un parto cesareo.

Dopo il parto e il giorno successivo, sabato 15 giugno, il suo stato di salute è stato costantemente monitorato nell'ospedale di Bitola e sono state effettuate analisi di laboratorio.

Dall'esame della documentazione neonatologica si è accertato che si tratta di un neonato a termine con APGAR 5/7/7, alla nascita con pelle livida, tono indebolito, riflessi indeboliti e bradicardia.

La bradicardia è una frequenza cardiaca anormalmente lenta inferiore a 60 battiti al minuto. Immediatamente sono state eseguite l'aspirazione, la ventilazione artificiale, la stimolazione tattile e il massaggio cardiaco. Sia venerdì che sabato è stata prescritta la terapia, effettuate le analisi di laboratorio, l'emocromo e l'equilibrio acido-base.

A causa del peggioramento del quadro clinico avvenuto il 15 giugno da parte di un neonatologo dell'ospedale di Bitola, previa consultazione con un anestesista di KARIL e della Clinica PHI per le malattie infantili di Skopje, il trasporto è stato effettuato con un veicolo medico, ma durante il trasporto lì si è verificato un ulteriore peggioramento delle condizioni generali con bradicardia.

Al momento del ricovero in clinica per malattie infantili, il neonato era senza battito cardiaco e senza respirazione, la rianimazione è stata effettuata secondo il protocollo e la morte è stata confermata alle 16:55.

La diagnosi di riferimento è sindrome da distress respiratorio e la causa della morte è l'insufficienza cardiorespiratoria.

Dopo la conferma della morte, il bambino deceduto è stato trasportato di nuovo all'ospedale di Bitola con la stessa ambulanza. Dopo il rientro al PHI Clinical Hospital di Bitola, un addetto alla camera mortuaria e l'invio per un esame istologico patologico, sono state fornite le dichiarazioni dei genitori e altra documentazione medica.

Clinica pediatrica: il bambino di Bitola è stato portato morto

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno