Conversazione con Marija Lozanoska, insegnante di lingua macedone: Amare la lingua madre dovrebbe essere l'obbligo fondamentale di ogni persona

Foto: Archivio privato

"Non sono pessimista e non dico che ai macedoni non piace la lingua, ma non hanno un posto dove impararla, hanno finito la scuola molto tempo fa e, secondo la mia esperienza, hanno il desiderio di usarla correttamente", dice Maria.

Oggi è la Giornata internazionale della lingua madre. Questa giornata viene celebrata in tutto il mondo con varie attività volte a preservare e promuovere le lingue native.

In quell'occasione abbiamo parlato con Maria Lozanoska, professore laureato di lingua e letteratura macedone e conferenziere abilitato. Tra l'altro è autrice dei due romanzi "The Big L" e "The Other" e cantautrice musicale.

Maria, come hai deciso che gli studi macedoni sarebbero stati la tua vocazione? Perché un docente invece di ogni altra professione?

– Ho sempre saputo che il linguaggio è radicato in me. Ho imparato le lettere fin da piccolissima, e il talento per la scrittura mi sussurrava continuamente di creare. Crescendo con una madre insegnante di lingua macedone, dalla quale ho imparato molto sull'educazione e sulla materia stessa, era inevitabile che anch'io mi imbarcassi nelle acque dell'insegnante. Lavorando io stesso come insegnante e come autore, mi sono avvicinato sempre di più alle regole della lingua, quindi passare al ruolo di correttore di bozze è stata una decisione sensata.

Oggi è la Giornata internazionale della lingua madre. Quanto noi, come macedoni, custodiamo e amiamo la nostra lingua madre durante tutto l'anno?

- Amare e rispettare la lingua materna dovrebbe essere l'obbligo fondamentale di ogni persona. Non tutti hanno talento nel linguaggio, ma tutti possono rispettarlo. Siamo un piccolo numero di persone nel mondo e quindi siamo una piccola percentuale dei suoi parlanti, e quindi dovremmo lottare per questo il più possibile ogni giorno. Non sono pessimista e non dirò che ai macedoni non piace la lingua, ma non hanno un posto dove impararla, hanno finito la scuola molto tempo fa e secondo la mia esperienza hanno il desiderio di usarla correttamente . Se lo Stato dovesse fornire più leggi, linee guida e contenuti divertenti per imparare o ricordare la lingua, credo che il livello della lingua macedone aumenterà in modo significativo. Noi come individui non bastiamo, per questo abbiamo bisogno di progetti molto più grandi.

Foto: Archivio privato

Sei dietro il profilo Instagram "Lektorkata", dove pubblichi contenuti didattici legati alla lingua macedone. Quali sono gli errori di ortografia più comuni commessi sui social media?

- Si ripetono sempre gli stessi errori, e cioè con le parole "non lo so" e "ancora", e negli ultimi anni i mesi e i giorni della settimana sono stati scritti in maiuscolo sotto l'influenza di la lingua inglese, ma è corretta con una piccola.

Qual è il tuo atteggiamento nei confronti del linguaggio nei media?

- I più colti, secondo me, sono i notiziari televisivi, anche la lettura degli annunciatori è ad un livello invidiabile, ma ovviamente anche lì c'è un errore. Nemmeno a me piacciono i contenuti di intrattenimento in TV, perché sono parlati e scritti in modo errato e l'enfasi è sul discorso di Skopje. Naturalmente ci sono delle eccezioni. C'è di tutto su Internet ed è un argomento lungo di cui parlare, quindi permettimi di menzionare il lato positivo e di lodarti come mezzo mediatico per essere saltato fuori da quel mare di irregolarità linguistiche.

Foto: Archivio privato

Linguistica e letteratura sono inseparabili e il dizionario si arricchisce al meglio leggendo libri. Allora, qual è il modo migliore per stabilire l'amore per la lingua macedone e per la lettura nella prima infanzia?

- Nell'era della digitalizzazione, siamo consapevoli che anche i bambini crescono con il cellulare in mano, quindi è in qualche modo difficile sostituire quel "giocattolo" con un libro che non ha immagini, né pulsanti, né giochi. Tuttavia, i bambini sono uno specchio dei loro genitori e dell’ambiente, quindi faranno solo ciò che fanno gli adulti. Se gli adulti non leggono, a chi dovrebbero ispirarsi? Pertanto - adulti, passate più tempo con il libro perché sapete che i bambini imitano tutto.

Tra l'altro sei anche uno scrittore. Hai forse intenzione di sorprendere i tuoi lettori con un nuovo lavoro nel prossimo futuro?

- Ho preso una pausa dallo scrivere libri per molto tempo e sono passati diversi anni dal mio secondo romanzo. Certo, creo ancora, ma non sono romanzi, scrivo anche testi per canzoni, sono attivo sui social network con le mie creazioni, scrivo anche della scuola e degli studenti, ho costantemente diversi progetti legati alla lingua. Però mi hai anche "rimproverato" perché non scrivo libri, e lo fanno anche molti dei miei lettori, quindi lo prendo come un segno che dovrei già prendere uno dei miei titoli dal cassetto e finirlo.

Foto: Archivio privato

Recentemente è stata adottata la Legge sull'uso della lingua macedone, che prescrive l'assunzione obbligatoria dei docenti in tutte le istituzioni pubbliche. Pensi che questo aumenterà l'interesse per lo studio della lingua macedone tra i giovani?

- Accolgo con favore la decisione dello Stato e mi congratulo con i macedoni che hanno combattuto per essa, compresi i miei professori del Dipartimento di lingua macedone a Skopje. Si tratta di un grande passo, ma non è ancora sufficiente per riportare gli studenti sui banchi dove si studia la lingua macedone. Il dipartimento potrebbe subire un cambiamento e mi piacerebbe vederlo in un'edizione più moderna, ma per quanto riguarda il dopo studi? La facoltà è difficile ed estesa, la lingua non è per niente facile, e finora con quel diploma potevi lavorare solo come insegnante/professore in campo educativo, e quei posti sono numerati e non bastano per tutti gli studenti che si sono laureati finora . Perché la legge stessa prenda vita è necessario un periodo più lungo e solo il tempo mostrerà quanto la rispetteremo. Dio voglia che passi al meglio.

Qual è il tuo messaggio a quei giovani che sono interessati alla linguistica e che vogliono studiare la lingua macedone?

- Senza linguaggio non sei nessuno e niente, disse una volta il grande scrittore Vidoe Podgorec. Bisogna essere una persona alfabetizzata, indipendentemente dal fatto che tu sia un linguista o uno specialista informatico, un intellettuale non deve permettersi di non sapere come comporre una frase senza l'alfabeto cirillico appropriato. E a coloro che vogliono continuare a imparare la lingua macedone, auguro loro buona fortuna, hanno il mio sostegno e la studiano e la imparano con amore perché è la nostra lingua madre, non ne abbiamo altre.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno