Radev ha invitato Petkov a convocare un Consiglio dei ministri sullo scandalo con la Russia

Foto di MIA.mk

Lo ha chiamato il presidente bulgaro Rumen Radev Il primo ministro Kiril Petkov si è dimesso convocare una riunione del Consiglio dei ministri per valutare le conseguenze dell'escalation della crisi nelle relazioni bilaterali con la Russia e prendere una decisione secondo tutte le procedure legali.

"Questa decisione deve essere coerente con le sfide che devono affrontare la sicurezza nazionale e gli interessi a lungo termine della Bulgaria e delle migliaia di cittadini bulgari che vivono nella Federazione Russa. È inammissibile lasciarli senza rappresentanza diplomatica. È inaccettabile che le decisioni relative alla sicurezza della Bulgaria non tengano conto dei rischi di escalation e delle relative conseguenze economiche", è stato categorico il capo dello Stato bulgaro in un post su Facebook.

Secondo lui, la responsabilità della decisione spetta interamente al governo dimissionario, che svolge le sue funzioni in conformità con le leggi della Repubblica di Bulgaria e il giuramento prestato dinanzi all'Assemblea nazionale di assumere lo Stato fino all'effettivo trasferimento dei poteri .

Sotto attacco Petkov, la cui decisione è di espellere i diplomatici russi dalla Bulgaria

Video del giorno