Nella prima sessione del governo greco dopo la ricostruzione, Mitsotakis ha presentato le principali priorità

Affrontare l'aumento dei prezzi, uno Stato più efficiente, la ristrutturazione del settore primario, una migliore sanità e un'istruzione, direi che stanno diventando le nostre priorità più mirate, ha affermato il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis all'inizio della sessione governativa odierna, che si tiene con la nuova composizione dopo la ricostruzione di ieri.

La ricostruzione è avvenuta solo pochi giorni dopo le elezioni europee nelle quali Nuova Democrazia, al potere, ha vinto con il 28,3%, ma non ha ancora raggiunto l'obiettivo fissato del 33% ottenuto alle elezioni europee di cinque anni fa.

All'inizio della sessione governativa, Mitsotakis, riferendosi ai risultati elettorali, ha ripetuto che i cittadini, a modo loro, hanno inviato loro il messaggio "abbiamo fiducia in voi, ma impegnatevi di più".

- In effetti, ci hanno chiesto più lavoro e meno errori, più risultati e meno ritardi lungo un cammino senza ipocrite svolte a destra, a sinistra o al centro, con una direzione solo in avanti, ha sottolineato Mitsotakis ed ha aggiunto che attraverso il nuovo governo ci stanno inviando un "messaggio collettivo per un riavvio dinamico" .

Ha parlato anche delle riforme, come “segno della vita quotidiana” e come un modo per convincere delle intenzioni anche i cittadini scettici.

Lui ha fatto riferimento anche alla politica dell'Unione europea, affermando che i prossimi cinque anni saranno importanti per la competitività dell'economia europea, per il proseguimento di una politica migratoria severa ma giusta, nonché per il sostegno delle imprese greche.

– Dopo la Conferenza di pace organizzata per l’Ucraina, sarò a Bruxelles e spero che, in qualità di uno dei due negoziatori a nome del Partito popolare europeo, riusciremo a trovare rapidamente un accordo sulla distribuzione delle posizioni di responsabilità alla guida del la piramide europea. Penso che questo eliminerà parte dell'incertezza, il che non credo sia positivo per l'Europa, quindi almeno avremo il voto per il nuovo presidente della Commissione europea, la nostra proposta sarà Ursula von der Leyen e ritengo che lei sarà votato dal Parlamento e la votazione dovrà essere completata entro la fine di luglio, ha detto Mitsotakis.

Dopo la sessione governativa odierna, il primo ministro greco partirà per la Svizzera per partecipare alla Conferenza di pace in Ucraina.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 100 DENARI

Video del giorno