Un professore bulgaro che insegna in America dice di non aver paura: non c'è modo di "bulgare"

Foto: Canale 5 / schermata di stampa

Il professore di Sofia, Ivan Dinev Ivanov, che insegna alla School of Public and International Relations dell'Università di Cincinnati negli USA, stasera in una guest apparizione su Canale 5, ha parlato degli sviluppi politici nel rapporto Skopje-Sofia-Bruxelles, oltre che della storia questioni che rappresentano un ostacolo nelle relazioni macedone-bulgare.

Ha detto che si rammarica per tutte le vittime che la Bulgaria ha causato durante il periodo fascista della sua storia.

"Piango per ogni singola persona che è stata uccisa in Macedonia, e ci sono persone simili non solo per coloro che sono stati uccisi in Macedonia, ma anche per coloro che sono stati uccisi in Grecia durante la drammatica rivolta. Dico a nome mio che mi dispiace per ogni singola persona. Ora guardiamoci con occhi diversi, l'un l'altro, e andiamo avanti", ha affermato il professor Dinev Ivanov nel programma "Solo la verità".

Rivolgendosi al pubblico, ha affermato che non c'è modo di attuare la cosiddetta "bulgarizzazione".

"Non abbiate paura, fratelli e sorelle macedoni, non c'è modo che ci sarà la bulgizzazione, ve lo garantisco, non esiste una cosa del genere", ha detto il professore.

Ha anche ordinato ai "macedoni di preservare la loro identità", sottolineando che vuole che il paese con un'identità preservata diventi membro dell'UE, "cooperare con la Bulgaria costruendo infrastrutture, costruendo relazioni umane, abbattendo muri e costruendo ponti con Bulgaria e con tutti gli altri paesi." ".

Dinev Ivanov ha aggiunto che alcuni politici in Bulgaria hanno abusato dell'accordo di buon vicinato con la Bulgaria, usandolo come scusa per il veto all'inizio dei negoziati di adesione di S. Macedonia con l'Unione.

"Sono stati commessi errori dalla parte bulgara. Ci sono persone nell'élite politica che l'hanno usato per fare intenzionalmente uno scandalo con il veto e ha creato davvero grossi problemi e molta negatività. Il giorno in cui è stato annunciato il veto, ho detto che "la Bulgaria ha posto il veto a se stessa". Il presidente Radev ha torto e l'ho detto, che Radev ha dovuto dichiarare che non possiamo permettere il nazionalismo anti-bulgaro in Macedonia, e sono d'accordo con questo, e non ho problemi con il macedone", ha affermato il professore.

Video del giorno