La situazione di crisi nel settore energetico è stata ampliata

Linea di trasmissione, energia, politica energetica, elettricità
Elettricità / Foto: MIA

Ieri l'Assemblea ha proseguito la situazione di crisi nella fornitura di energia elettrica nell'intero territorio del Paese e nella fornitura di energia termica nell'area della Città di Skopje. dal 30 aprile del prossimo anno.

Nella prosecuzione di ieri dell'86a sessione parlamentare, con 83 voti "favorevoli", nessuno "contrario" e nessuna "astensione", si è votato per prolungare il periodo di sussistenza di uno stato di crisi nell'intero territorio della Repubblica di Macedonia del Nord , a causa della mancanza di energia elettrica e delle condizioni dei mercati elettrici, e con 86 voti favorevoli, nessuno contrari e nessuno astenuti, la Proposta-decisione di proroga del termine per la sussistenza di una situazione di crisi in l'area della Città di Skopje, a causa della mancanza di energia termica, della possibilità di utilizzare combustibili alternativi e dello stato del mercato dell'energia termica.

Con questa decisione è possibile adottare misure e attività, anche finanziarie, per garantire quantità aggiuntive di energia elettrica. Con l'adozione della decisione, la Commissione per il monitoraggio delle situazioni di fornitura di energia elettrica e per il monitoraggio delle situazioni di fornitura di energia termica monitorerà, analizzerà e valuterà costantemente lo stato dei mercati dell'energia elettrica e del calore e proporrà misure secondo i decreti che disciplinare i criteri e le condizioni per dichiarare lo stato di crisi.

Il premier Dimitar Kovacevski ha recentemente affermato che stiamo affrontando l'inverno più duro dalla seconda guerra mondiale e che con il riequilibrio della Finanziaria sono già stati previsti 76 milioni di euro per misure anticrisi per mantenere la liquidità nel settore elettrico, di fronte dell'aumento dei prezzi dell'energia e dell'aumento dei prezzi dell'elettricità.

- ESM, in quanto società statale, lavora per fornire elettricità al prezzo più favorevole e lo stato, secondo le sue capacità, sovvenziona tale elettricità per la maggior parte al fine di prevenire uno shock di prezzo, ha sottolineato Kovacevski all'epoca .

Il presidente di VMRO-DPMNE, Hristijan Mickoski, ieri ha invitato il governo a rispondere perché rifiuta il suo piano per affrontare la crisi energetica. Ha sottolineato che il piano è un'opportunità per garantire una produzione stabile di elettricità per le famiglie e l'industria, ma anche per il riscaldamento di edifici e abitazioni che utilizzano il riscaldamento centralizzato a Skopje.

- Perché rifiuta di risparmiare 300 milioni di euro, perché rifiuta di avere una maggiore produzione nazionale di elettricità, perché rifiuta di avere un prodotto interno lordo più grande, perché rifiuta di non avere alcun aumento delle bollette del riscaldamento e dell'elettricità. Il governo dovrebbe dare una risposta a questo, potrebbe essere di nuovo una specie di gara d'appalto, una specie di accordo commerciale, un accordo privato, ha detto Mickoski.

Anche il ministro dell'Economia, Kreshnik Bekteshi, ha invitato ieri dalla tribuna parlamentare il leader di VMRO-DPMNE ad annunciare pubblicamente i contatti per l'acquisto di energia a buon mercato e a dire quali aziende sono, cosa offre e a quali prezzi, oppure se non vuole che lo faccia, di sottoporli al ministero dell'Economia.

Bekteshi si è detto pronto a parlare direttamente con Mickoski, per chiederglielo personalmente. Ha anche fatto appello, se Mickoski non vuole pubblicare i contatti, di presentarli lunedì al Ministero dell'Economia, e poi personalmente, come ha detto, li pubblicherà e li porterà al JSC ESM.

– Mi prenderò la responsabilità e chiamerò Mickoski. Pubblicherò i contatti e li sottoporrò all'ESM. Credo che l'intero pubblico dovrebbe conoscere ed essere informato. Tutto dovrebbe essere trasparente. Sarò qui lunedì, lascerò che Mickoski mi fornisca i contatti e li porterò pubblicamente all'ESM, se necessario, per vedere da quali fonti provengono. È un momento di crisi, ci sono alcune cose che lo stato non può fare, siamo membri della NATO, ha detto Bekteshi.

Secondo lui, nessuno ha detto che qualcosa non è accettato.

– Accettiamo le migliori offerte per l'acquisto di energia per avere prezzi più bassi. Parli di contatti. Pubblicali, se necessario chiamerò personalmente Mickoski. Se non vuole pubblicarli, me li sottoponga, io li pubblicherò. E ho detto ieri, siamo pronti a dialogare con tutti, compreso Mickoski, per superare la crisi il più facilmente possibile, con tutte le aziende, statali o locali. Invito il pubblico e i media a essere avvisati immediatamente, i contatti di VMRO-DPMNE o le offerte dovrebbero essere annunciati, per sapere da dove provengono, qual è il loro prezzo. Ti ricordo che ESM ha l'obbligo legale di scegliere l'offerta più conveniente. Hristijan Mickoski dovrebbe annunciare pubblicamente i contatti per l'approvvigionamento di fonti energetiche più economiche e dire chi sono queste società, quali sono le offerte e i prezzi, ha sottolineato Bekteshi in sessione plenaria in cui le proposte di decisione sul proseguimento della situazione di crisi nel settore energetico a si è discusso a livello statale e in relazione all'energia termica a livello della città di Skopje.

Il direttore generale di JSC ESM, Vasko Kovachevski, ha affermato ieri che qualsiasi offerta volta a superare l'attuale crisi è benvenuta e quindi, come ha affermato, tutte le offerte delle aziende che, su raccomandazione di Hristijan Mickoski, raggiungeranno ESM in forma ufficiale , ai sensi della Legge sugli appalti pubblici di energia, sarà immediatamente riesaminato dalla Commissione per gli appalti pubblici della società.

- Mickoski ha detto ieri che lui e il suo partito hanno contatti e offerte indicative da parte di aziende per l'acquisto di olio combustibile e gas naturale, con cui lo Stato risparmierà 300 milioni di euro. Pertanto, approfitto di questa occasione per invitare pubblicamente Mickoski a informare tutte quelle aziende da cui ci sono offerte indicative, che erano valide per una settimana, nei prossimi giorni, ma non oltre mercoledì, per completare le offerte e consegnarle a JSC ESM, ha detto ieri Kovacevski.

Le offerte delle società, come ha detto, dovrebbero avere le caratteristiche tecniche dell'energia (olio combustibile o gas naturale), avere tutti i certificati, avere tutte le licenze necessarie, avere quantitativi assicurati (250.000 tonnellate di olio combustibile e 250.000.000 di normale contatori di gas naturale), avere contratti con i fornitori, avere assicurato il trasporto agli impianti di produzione (olio combustibile a TEC Negotino, REK Oslomej e REK Bitola, e gas naturale a TE-TO e centrali termiche a Skopje), avere dinamiche di consegna secondo il piano di produzione e avere una garanzia bancaria garantita.

- Dopotutto, questi sono criteri e condizioni che sono stati richiesti finora, in tutti gli appalti pubblici di queste energie. Se tali offerte alla fine arrivano e soddisfano tutti i criteri menzionati e hanno il prezzo offerto più basso, i contratti verranno conclusi con tali società. Ci aspettiamo, secondo quanto detto ieri, che le possibili offerte saranno a prezzi bassi, e che Esm e lo Stato risparmieranno 300 milioni di euro. Se, invece, non perverranno offerte sulla base della raccomandazione di Mickoski, informeremo il pubblico sull'esito della procedura, sottolinea Kovacevski.

Video del giorno