Errori in un laboratorio di test covid in Inghilterra potrebbero aver causato la morte di 20 persone

L'agenzia governativa inglese responsabile della gestione delle emergenze di salute pubblica afferma che un errore in un laboratorio di test ha fatto sì che decine di migliaia di persone risultate positive al coronavirus ricevessero risultati falsi del test e venissero informati che erano negativi, portando forse alla morte. le persone.

Il Regno Unito ha uno dei più alti numeri di vittime del coronavirus nel mondo, con oltre 177.000 morti dall'inizio della pandemia nel 2020.

Molti esperti hanno affermato che il programma di tracciamento dei contatti è stato di gran lunga inferiore al sistema mondiale promesso dal governo.

Un'indagine della UK Health Safety Agency (UKHSA) ha rilevato che tra il 2 settembre e il 12 ottobre dello scorso anno, il laboratorio Imensa nell'Inghilterra centrale ha riportato erroneamente circa 39.000 test come negativi quando erano positivi.

Il motivo degli errori è l'impostazione errata del livello di soglia per la segnalazione di risultati positivi e negativi di campioni PCR per Covid-19, secondo il rapporto UKHSA dopo il completamento dell'indagine.

Di conseguenza, molti hanno continuato con la loro vita quotidiana e non si sono autoisolati, anche se avevano il Covid-19.

L'UKHSA ha affermato che gli errori potrebbero aver provocato fino a 55.000 infezioni aggiuntive nell'area in cui sono stati segnalati falsi negativi.

Imensa Clinic, una società privata che gestisce il laboratorio, è stata fondata nel maggio 2020 e ha ricevuto contratti del valore di 203,63 milioni di dollari per elaborare i risultati dei test PCR.

I proprietari di "Imensa" non hanno risposto alla richiesta di commento.

"In questa indagine, abbiamo esaminato attentamente gli accordi di supervisione contrattuale dei laboratori privati ​​che stavano eseguendo i test di emergenza in quel momento", ha affermato. Riccardo Glave, direttore dell'UKHSA e ricercatore principale.

Video del giorno