All'insegna del motto "La libertà vive qui" si terrà a Bitola la 25a edizione giubilare del Festival del Monodramma

Foto: Vaska M. Mladenovska/Sloboden Pechat

Con lo spettacolo musicale "Gli attori cantano" si aprirà ufficialmente la 25esima edizione del Festival Internazionale del Monodramma, che tradizionalmente si terrà a Bitola dal 25 al 31 maggio, organizzato dal Centro Culturale.

Il festival del monodramma è celebrato esclusivamente dall'attore, ha detto nella conferenza stampa di oggi la direttrice del Centro culturale di Bitola, Maja Andonovska-Ilijevski.

Il motto dell'edizione giubilare di quest'anno del festival è "La libertà vive qui".

- Un fatto interessante per il pubblico è che se dopo il coronavirus e la chiusura dei confini c'è stata un'iperproduzione di monodrammi, abbiamo anche fatto un festival macedone e abbiamo avuto innumerevoli spettacoli che volevano far parte del festival, quest'anno il festival si è fermato al suo ritmo abituale, il che significa che stanno lavorando su un numero minore di monodrammi, ma quello che il pubblico avrà l'opportunità di vedere quest'anno è davvero di qualità eccezionale. Questo è un Festival che ha mostrato e dimostrato che il monodramma come forma teatrale è molto importante per l'attore. E il motto del Festival "La libertà vive qui" è un'associazione diretta che non solo gli attori ma anche gli artisti sono in costante corsa e ricerca della libertà e la trovano esattamente dove creano, sui palcoscenici - ha detto il direttore della Cultura Centro Maja Andonovska - Ilijewski.

Quest'anno il pubblico avrà l'opportunità di guardare due monodrammi provenienti da Macedonia, Croazia, Serbia, Turchia, Grecia, Bulgaria, Armenia, Kazakistan ed Emirati Arabi Uniti.

- Quest'anno abbiamo una produzione eccezionale di monodrammi che sono convinto soddisferà il gusto del pubblico teatrale. Dalle opere macedoni il pubblico avrà l'opportunità di vedere il monodramma di Zdravko Stojmirov prodotto dal Teatro Nazionale di Bitola "Fetishist" e lo spettacolo di produzione "Oho" con l'attore Igor Angelov diretto da Dejan Projkovski. Quest'anno abbiamo avuto spettacoli che purtroppo, per giustificati motivi, non hanno potuto essere rappresentati, come il teatro tunisino, che ha avuto problemi con il visto e ha avuto una performance eccezionale, e un attore tedesco che ha interpretato un monodramma fenomenale, ma ha ottenuto un ruolo importante in una produzione cinematografica, e ci dispiace che si scusi per non poter essere presente a causa della sovrapposizione delle date - ha detto nella conferenza stampa di oggi il selezionatore del Festival del Monodramma, l'attore Petar Mircevski.

Ljupka Kolarova-Pajević, che da 25 anni collabora professionalmente nell'organizzazione del Festival Monodrama, dice che il festival ha avuto i suoi alti e bassi nel corso degli anni.

- Nel 1999 abbiamo iniziato il festival nell'allora Casa della Cultura a Bitola. Negli ultimi 25 anni il Festival ha vissuto alti e bassi, ma il pubblico è ancora entusiasta e riempie le sale del teatro durante il Festival. Ciò che avevamo promesso al pubblico l'anno scorso lo realizzeremo quest'anno. Volevamo introdurre il monodramma come genere, volevamo arricchire la letteratura e la cultura macedone con testi macedoni. Grazie alla regista Maja Andonovska-Ilijevski, abbiamo rilanciato il concorso con i fondi che abbiamo ricevuto dal Ministero della Cultura, e spero che il pubblico e gli ambienti letterari saranno soddisfatti, e infine gli attori e i drammaturghi che potranno sempre trarre da quella creazione - Kolarova - Pajevic.

La giuria del Festival Internazionale del Monodramma sarà composta da: la regista Zoja Buzalkovska, l'attrice Biljana Dragicevic-Projkovska e Nina Mazur, che fa parte del Festival da 25 anni.

Il festival avrà anche un programma fuori programma che sarà organizzato in diverse località di Bitola. Dopo l'apertura ufficiale del Festival sarà organizzata la promozione di un libro di monodrammi in cui verranno stampati i testi monodrammi premiati del Concorso indetto lo scorso anno dal Centro di Cultura. Sarà inoltre pubblicata la monografia “25 anni di Festival del Monodramma”. A Shirok Sokak, vicino alla Casa degli Ufficiali di Bitola, un artista si esibirà nella sezione destinata ai più piccoli. Nel programma fuori programma, si esibirà "Statue Fest" e in quattro luoghi su Shirok Sokak, i residenti di Bitol avranno l'opportunità di vedere come sono le statue dal vivo.

Il festival del monodramma ha ricevuto il sostegno finanziario del Ministero della Cultura e del Comune di Bitola.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno