Lo scrittore e sceneggiatore Dushko Rodev è morto

Dushko Rodev/Foto: Social network

Il 30 giugno 2022, a Skopje, dopo una breve malattia, all'età di 91 anni, è morto lo scrittore Dushko Rodev - romanziere, narratore, drammaturgo e sceneggiatore.

Dusko Rodev è nato il 17 aprile 1932 a Skopje. Fu filologo-romanziere di formazione, lavorò come giornalista, giornalista freelance, corrispondente, ma anche come editore in una casa editrice. Era un narratore di destini umani, di storie piene di ironia e assurdità. È stato premiato in concorsi anonimi di racconti e con il premio del quotidiano Utrinski Vesnik "Novel of the Year". Rodev è un autore che è stato messo a tacere, persino bandito durante il socialismo. Negli ultimi dieci anni ha attirato l'attenzione dei lettori con i suoi due ultimi romanzi: "The Man Who Loved Pomegranates (Novel of the Year Award)", che ha avuto tre edizioni, e "Waiting for the Nobel Prize", che sono stati tradotti in diverse lingue (serbo, bulgaro, russo, ucraino...)

Questo autore rappresenta una figura indispensabile della letteratura macedone del XNUMX° e XNUMX° secolo - un autore il cui lavoro in questo momento è già una seria sfida per nuove letture e valutazioni e il suo legittimo posto nella letteratura macedone deve ancora essere determinato.

Rodev è l'autore dei libri: "Homeless" (romanzo, 1963), "Returning to the Red Earth" (romanzo, 1969), "Partridges in the Stone Landscape" (romanzo, 1974), "Green Color After the Rain" (racconti, 1977), "Sulla neve, con Olya" (racconti, 1981), "Talks with Dojranski" (romanzo, 1983 - in serbo, 1985 - in lingua macedone), "Il luminoso futuro inizia domani, il giorno dopo domani al più tardi" (romanzo, 1988), " Hello Seventh Force" e "The First Echelon" (commedie, 1991), "Blackbirds, Winter" (storie, 1998), "The Wild Rose" (romanzo, 2005) e 'L'uomo che amava i melograni' (romanzo, 2010) e Aspettando il premio Nobel (romanzo, 2014).

Il film TV "Game for Shooting" (1992) è stato girato sulla base della sua sceneggiatura.

Anche durante gli studi ha lavorato come giornalista presso "Nova Makedonija", da dove si è trasferito alla Radiotelevisione macedone, dove è stato redattore nel dipartimento di teatro. Si ritirò da lì.
Dusko Rodev è stato sepolto ieri a Skopje.

 

Video del giorno