Muore Andrew Fletcher, tastierista e fondatore dei Depeche Mode

Andrea Fletcher
Andrew Fletcher / Foto: EPA-EFE / FILIP CANTANTE

È morto Andrea Fletcher, il leggendario tastierista dei "Depeche Mode". Morì all'età di 61 anni. La notizia sui social network è stata annunciata dalla sua band.

"Siamo scioccati e rattristati dalla morte prematura del nostro caro amico, membro della famiglia e compagno di band Andy Fletch Fletcher", si legge nella nota. "Fletch aveva davvero un cuore d'oro ed era sempre lì quando avevi bisogno di supporto, conversazione vivace, belle risate o una birra fresca. I nostri cuori sono con la sua famiglia. "Per favore, tienilo a mente e rispetta la privacy della famiglia in questo momento difficile".

Fletcher ha co-fondato i Depeche Mode con il tastierista Vince Clark. Dapprima suonava il basso, ma ben presto passa a tastiere e sintetizzatori, senza mai abbandonare del tutto il primo strumento.

Poco dopo la formazione della band, Martin Gore e Dave Gahan, gli attuali membri della band, si unirono alla band. Dall'uscita di Speak and Spell nel 1981, Andrew è stato spesso responsabile della gestione della band ed è stato conosciuto come il "collante" dei Depeche Mode, tenendo uniti i membri nonostante i periodi difficili che la band ha attraversato negli anni del successo di "Violator" nel 1990 e "Songs of Faith and Devotion" nel 1993, quando il cantante Dave Gahan ha tentato il suicidio a causa dell'abuso di droghe e Alan Wilder, l'altro membro della band, ha lasciato il gruppo a causa delle tensioni con Gore e Fletcher.

Nel corso degli anni, Fletcher ha avuto anche una carriera da solista come DJ. Era sposato con l'amore della sua vita, Grain Mulan. Ha lasciato due figli, Megan e Joe. Nel 2020, Fletcher è diventato membro onorario della Rock and Roll Hall of Fame.

Video del giorno