I pediatri hanno scoperto come mezz'ora nella foresta protegge l'immunità del bambino

Foto: PickPik

Se ci sei passato almeno una volta rumore, sai che esperienza bella e piacevole vivi ad ogni passo. Ecco perché alcune persone scelgono di vivere dentro o vicino a una foresta, mentre altre percorrono centinaia di chilometri per trascorrere qualche giorno in una casa vacanza circondata da pini e abeti. Ecco come può aiutare te e i tuoi figli a ottenere un'immunità più forte.

Gli psicologi, i medici, i pediatri e tutti gli esperti sono noti per consigliarlo che i bambini trascorrano quanto più tempo possibile all’aperto, di cui parla anche il metodo svedese di 164 anni per allevare bambini felici e resilienti.

I giapponesi utilizzano da tempo un termine che descrive gli effetti del tempo trascorso nella foresta sulla salute, e questo è stato confermato da uno studio finlandese.

Shinri-yoku o "Bagno nella foresta"

Scienziati giapponesi hanno scoperto che una tradizione chiamata Shinri-yoku o "bagno nella foresta" è ancora presente e le ragioni sono di natura biochimica.

I ricercatori hanno scoperto che restare nella foresta migliora l’immunità naturale, che è importante per prevenire un’ampia gamma di malattie.

Foto: Jacob Ammentorp Lund / Flickr

Come la foresta influisce sull'immunità

Quando gli scienziati hanno testato le persone prima e dopo una passeggiata di due ore nei boschi, hanno scoperto che tutte le persone tranne una avevano la pressione sanguigna più bassa, erano più calme e pensavano in modo più chiaro.

Gli alberi e le piante forestali rilasciano "composti organici volatili antimicrobici di origine vegetale, chiamati fitoncidi, per uccidere funghi e batteri". Funghi e batteri possono rappresentare un problema per il nostro sistema immunitario e, a quanto pare, non piacciono nemmeno agli alberi.

Gli alberi forestali hanno spesso centinaia, se non migliaia, di anni. Alberi e altre piante hanno una protezione perfetta, cioè composti che possono uccidere funghi e batteri. Quando cammini nella foresta, il tuo respiro si combina con queste componenti. L'effetto dura circa 2 mesi.

Diciamo che quando camminiamo nella foresta, ci immergiamo nella sua naturale immunità. Ci immergiamo nel sistema immunitario "fitochimico" della foresta, riferisce Il mio pediatra.

Foto: PickPik

I bambini e il bosco

Le foreste contengono una maggiore diversità di microbi nel suolo rispetto ad altri ambienti, ed è stato dimostrato che il contatto con batteri amici è benefico nel migliorare l'immunità dei bambini.

Uno studio finlandese ha scoperto che giocare nell’erba e nei cespugli dei boschi, come i cespugli di mirtilli piantati negli asili nido di quattro asili nido, ha rafforzato il sistema immunitario dei bambini dai tre ai cinque anni entro 28 giorni.

Durante tutto l'anno, lunedì, martedì e mercoledì mattina, un gruppo di 21 bambini dai tre ai cinque anni ha camminato per un massimo di 40 minuti nella foresta. Hanno trascorso sette ore all'aperto, pranzando all'aperto e dormendo in tenda, prima di tornare all'asilo a metà pomeriggio.

I ricercatori hanno scoperto che la diversità microbica aumentava sulla pelle e nell’intestino dei bambini che giocavano regolarmente all’aperto tra il fogliame della foresta, indicando un sistema immunitario più sano. Avevano anche un numero più elevato di cellule T, che svolgono un ruolo importante nella nostra risposta immunitaria, e aumentava anche la percentuale di molecole antinfiammatorie nel plasma sanguigno.

Secondo Aki Sinkonen, ricercatore presso l'Istituto per le risorse naturali della Finlandia, che ha condotto lo studio, i risultati supportano l'ipotesi che il contatto con la natura prevenga i disturbi del sistema immunitario, come le malattie autoimmuni e le allergie.

Numerosi studi hanno dimostrato che trascorrere del tempo in un ambiente naturale, soprattutto nella foresta, apporta numerosi benefici alla salute e alla psicologia dei bambini, come la riduzione dell’obesità, il miglioramento dello stato mentale, l’aumento della resilienza e uno sviluppo cognitivo più rapido.

Un aspetto significativo dello sviluppo cognitivo dei bambini che hanno partecipato allo studio outdoor è il senso di responsabilità verso gli spazi locali.

- Questi bambini capiranno molto più facilmente perché è importante riciclare e raccogliere i rifiuti - ha affermato Anina Kusisto, professoressa di educazione della prima infanzia all'Università di Helsinki.

 

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno