Borse asiatiche in calo a causa delle proteste in Cina

I prezzi delle azioni sono scesi bruscamente nei mercati asiatici lunedì, mentre il dollaro si è rafforzato poiché gli investitori hanno evitato gli investimenti più rischiosi tra le proteste in Cina contro le rigide misure restrittive per frenare la diffusione di Covid-19, ha riferito Reuters.

L'indice MSCI delle azioni dell'Asia-Pacifico, escluse le azioni giapponesi, è sceso di quasi il due percento alle 7:00. Allo stesso tempo, l'indice Nikkei è sceso dello 0,6% a Tokyo, mentre i prezzi delle azioni in Australia, Corea del Sud, Shanghai e Hong Kong sono scesi tra lo 0,4 e il 2,4%, ha affermato l'agenzia britannica.

I mercati azionari sono stati sotto pressione quando le proteste contro le rigide misure di contenimento per frenare la diffusione del Covid-19 sono scoppiate domenica mattina in diverse città cinesi, tra cui il centro finanziario di Shanghai, così come parti della capitale, Pechino.

Una nuova ondata di malcontento è stata innescata da un incendio scoppiato giovedì in un edificio a Urumqi, la capitale della regione dello Xinjiang, uccidendo dieci persone. La rabbia pubblica è stata scatenata dal sospetto che gli occupanti dell'edificio non fossero in grado di fuggire in tempo perché l'edificio era parzialmente sigillato.

"Il mercato non ama l'incertezza ed è chiaro che le proteste in Cina hanno preoccupato gli investitori e quindi poco propensi a investimenti più rischiosi. Alcuni temono anche nuove proteste, viste le dure misure restrittive, che potrebbero portare a un indebolimento dell'economia", afferma Robert Subbaraman, capo economista di Nomura. Anche i prezzi del petrolio sono diminuiti poiché i commercianti temono che le proteste contro le misure Covid-19 in Cina indeboliranno la domanda di carburante nel più grande importatore di petrolio al mondo.

Video del giorno