La prima nave dall'Ucraina con grano per l'Africa è salpata

La nave Brave Commander salpa dall'Ucraina all'Africa/ Foto EPA-EFE/STR

La nave "Brave Commander" ha lasciato il porto ucraino di Pivdeni, con il primo carico di aiuti alimentari umanitari per l'Africa dall'Ucraina dall'invasione russa.

Le esportazioni di grano dell'Ucraina sono in calo dall'inizio della guerra a causa della chiusura dei porti del Mar Nero, un canale marittimo chiave, che ha spinto al rialzo i prezzi alimentari globali e suscitato timori di carenze in Africa e Medio Oriente.

Il mese scorso sono stati sbloccati tre porti del Mar Nero, a seguito di un accordo tra Mosca e Kiev, mediato dalle Nazioni Unite e dalla Turchia. Ha permesso di inviare agli acquirenti centinaia di migliaia di tonnellate di grano ucraino.

Secondo il ministero delle Infrastrutture ucraino, "Brave Commander" trasporta 23.000 tonnellate di grano. La nave era diretta al porto africano di Gibuti con rifornimenti destinati ai consumatori in Etiopia.

"Il Ministero e le Nazioni Unite stanno lavorando su modi per aumentare la fornitura di cibo alle parti socialmente vulnerabili della popolazione africana", si legge nella nota.

Da lì aggiungono che 17 navi hanno già lasciato i porti ucraini con oltre 475.000 tonnellate di prodotti agricoli.

Video del giorno