ONU: 2,3 miliardi di persone gravemente o moderatamente affamate nel 2021

Africa, carestia, cibo
Donne con il pane in Africa / Foto: EPA-EFE / KIM LUDBROOK

Circa 2,3 miliardi di persone nel mondo affrontano difficoltà moderate o gravi nell'ottenere cibo a sufficienza, che è la situazione prima dell'inizio della guerra in Ucraina, che ha fatto aumentare il prezzo di grano, fertilizzanti ed energia, secondo un rapporto delle Nazioni Unite pubblicato oggi. .

"Le ultime prove disponibili suggeriscono che il numero di persone che non possono permettersi una dieta sana in tutto il mondo è aumentato di 112 milioni a quasi 3,1 miliardi, riflettendo le conseguenze dell'aumento dei prezzi dei prodotti alimentari al consumo durante la pandemia di coronavirus".

L'ONU ha avvertito che la guerra in Ucraina, iniziata il 24 febbraio, sta "interrompendo le forniture e incidendo sui prezzi di grano, fertilizzanti ed energia", portando a prezzi più alti nella prima metà del 2022, mentre sono anche eventi climatici più frequenti ed estremi previsto, interrompendo così le catene di approvvigionamento, soprattutto nei paesi a basso reddito.

Secondo il rapporto, la fame ha continuato ad aumentare in Africa, Asia, Sud America e Caraibi nel 2021, ma a un ritmo più lento rispetto al 2019-2020.

"Nel 2021 la fame ha colpito 278 milioni di persone in Africa, 425 milioni in Asia e 56,5 milioni in Sud America e nei Caraibi", si legge nella nota.

Gli obiettivi di sviluppo delle Nazioni Unite richiedono la fine della povertà estrema e della fame entro il 2030, ma il rapporto afferma che le proiezioni mostrano che l'670% della popolazione mondiale, circa XNUMX milioni di persone, dovrà affrontare la fame alla fine del decennio.

Fonte: MIA

Video del giorno