Il comportamento di Dodik è costato alla Republika Srpska 120 milioni di euro

Milorad Dodik
Milorad Dodik / Foto: EPA-EFE / STEPHANIE LECOCQ

Il governo tedesco ha sospeso la consegna di 120 milioni di euro di aiuti alla Republika Srpska a causa del "comportamento secessionista" dei suoi leader. Si tratta principalmente di Milorad Dodik, membro della Presidenza della BiH, che si candiderà alla Presidenza della Republika Srpska alle elezioni di ottobre. Oltre a sospendere i finanziamenti, la Germania e altri paesi dell'Unione Europea prenderanno in considerazione anche un nuovo pacchetto di sanzioni che prenderà di mira i politici di RS.

Foto del Parlamento RS EPA/MIKKO PIHAVAARA

L'alto rappresentante internazionale in Bosnia ed Erzegovina, Christian Schmidt, ha confermato che il governo tedesco ha fermato 120 milioni di euro di aiuti alla Republika Srpska per "comportamento secessionista".

Christian Schmidt / Foto: EPA-EFE / HAYOUNG JEON

 

"Coloro che pensavano che avrebbero continuato a comportarsi come erano abituati fino ad ora, sono un po' delusi. È vero che non voglio spaventare le persone, ma dirò molto chiaramente che l'accordo di pace di Dayton è una linea rossa per me. Spero che capiranno che sono pronto a esercitare i miei poteri a Bonn, anche se non voglio", ha detto Schmidt.

L'attuale conflitto tra le autorità della RS e l'alto rappresentante dell'UE è l'Agenzia per i medicinali della Republika Srpska.

Controversia principale

L'intenzione della Republika Srpska di istituire un'agenzia per i medicinali a livello di entità è stata contestata dal governo federale a Sarajevo

"La Republika Srpska ha istituito la propria Agenzia per i medicinali e continueremo ad attuare tutti gli atti adottati su quel piano", assicura il Primo Ministro della Republika Srpska Radovan Viskovic.

L'anno scorso l'Assemblea della Republika Srpska ha adottato la Legge sui medicinali, che prevedeva il ritorno dell'autorità per la vendita dei medicinali. Il motivo principale addotto dai leader della RS è la situazione al culmine della pandemia del virus corona, quando l'Agenzia dei medicinali della BiH ha vietato l'uso dell'ossigeno nel sistema sanitario della RS.

Assemblea della Repubblica di Serbia
Assemblea della Repubblica di Serbia / Archivio fotografico per la stampa libera

I piani di Banjaluka a Sarajevo sono descritti come passi unilaterali, e gli esperti legali mettono in dubbio la possibilità di introdurre un parallelismo nel lavoro delle agenzie della droga in Bosnia ed Erzegovina, cioè due agenzie con la stessa competenza che agiscono simultaneamente.

Per l'importazione di medicinali è necessario un permesso della polizia di frontiera della BiH, che la RS, secondo il funzionario di Sarajevo, difficilmente fornirà.

Фиefik аaferovi.
Фиefik аaferovi / / Foto: EPA-EFE / Malton Dibra

Per questo motivo, il presidente della Presidenza della Bosnia-Erzegovina, Sefik Dzaferovic, ha presentato alla Corte costituzionale una richiesta di valutazione di costituzionalità della legge sui medicinali della RS. Il tribunale ha anche chiesto una sospensione temporanea della legge fino alla decisione finale.

Schmidt è in attesa della decisione

Anche l'Alto Rappresentante Christian Schmidt attende la decisione della Corte Costituzionale. Schmidt ha indicato che agirà solo quando la Corte costituzionale della Bosnia ed Erzegovina deciderà se l'entità, nel caso RS, ha il diritto di istituire una propria Agenzia.

"Questo è un attacco molto serio all'integrità della Bosnia ed Erzegovina in quanto è organizzata, concordata ed esiste sulla base dell'accordo di pace di Dayton", ha affermato in precedenza l'alto funzionario, aggiungendo che nessuno contesta il diritto della Republika Srpska alla Bosnia. ed Erzegovina.

Željka Cvijanović EPA/ALEKSANDAR GOLIC

Sanzioni britanniche e americane

 

Sebbene la Germania e altri paesi dell'UE stiano ora valutando sanzioni contro i leader della RS, Gran Bretagna e Stati Uniti hanno già sanzionato il membro della presidenza federale Milorad Dodik e l'attuale presidente della RS Zeljka Cvijanovic.

Dodik è da anni nella “lista nera” statunitense, mentre la Gran Bretagna è il primo Paese europeo a sanzionare il leader dei serbi in Bosnia ed Erzegovina.

Oltre a Dodik, nella lista delle sanzioni britanniche c'era anche l'attuale presidente della Republika Srpska Zeljka Cvijanovic.

Video del giorno