ODIHR sulle elezioni in Serbia: Per le nuove elezioni, le leggi dovrebbero essere modificate e si dovrebbe evitare la pressione sugli elettori

Serbia, elezioni Foto: MIA

Prima delle nuove elezioni, dovrebbero essere attuate le raccomandazioni esistenti e nuove, comprese le modifiche alla legge sulle liste elettorali, la prevenzione delle intimidazioni e delle pressioni sugli elettori, la prevenzione delle campagne ufficiali e l'introduzione di termini ragionevoli e brevi per le decisioni della Corte costituzionale, afferma, tra l'altro altre cose, nel tanto atteso rapporto dell’ODIHR sulle elezioni di dicembre in Serbia.

Il primo ministro Ana Brnabic stasera ha programmato una conferenza stampa per domani mattina, mentre la coalizione dell'opposizione "Serbia contro la violenza" ha valutato che il rapporto dell'ODIHR sulle elezioni in Serbia conferma le irregolarità elettorali.

Nel rapporto dell'ODIHR, riportato dai media, le autorità di Belgrado sottolineano che la questione della lista elettorale unica, dei decessi che vi compaiono e del fenomeno della migrazione di massa degli elettori deve essere risolta in collaborazione con i partiti politici e la comunità civile. società. .

Per dare seguito in modo efficace alle raccomandazioni contenute in questo e nel precedente rapporto dell’ODIHR sull’osservazione elettorale, è necessario iniziare a modificare la legge con largo anticipo rispetto alle prossime elezioni. Ciò dovrebbe essere fatto insieme a tutti i soggetti coinvolti nel processo, con un ampio consenso politico, afferma il rapporto dell’ODIHR.

Per eliminare i dubbi sull’accuratezza delle liste elettorali e aumentare la fiducia del pubblico, le leggi, i regolamenti e le pratiche pertinenti dovrebbero essere riviste. L'ODIHR afferma che dovrebbe essere consentito l'accesso ai dati di registrazione degli elettori e dovrebbe essere facilitata una seria revisione dell'elenco unificato degli elettori. Tutte le parti interessate, compresi i partiti politici e la società civile, dovrebbero parteciparvi, afferma il rapporto dell'ODIHR.

L'ODIHR ritiene inoltre che la legge dovrebbe garantire una chiara separazione tra le funzioni e le attività statali durante la campagna elettorale. Le autorità dovrebbero adottare misure per prevenire l’abuso delle posizioni ufficiali e delle risorse statali. Tutte le violazioni dovrebbero essere indagate in modo proattivo con sanzioni adeguate che fungerebbero da deterrente, affermano le raccomandazioni.

L'ODIHR afferma inoltre che le autorità dovrebbero prevenire intimidazioni e pressioni sugli elettori, compresi i dipendenti di istituzioni e aziende pubbliche e statali, e rafforzare i meccanismi di monitoraggio.

La relazione afferma inoltre che l'indipendenza dell'Organismo di regolamentazione dei media elettronici (REM) dovrebbe essere effettivamente garantita, in conformità con le nuove disposizioni legali. REM dovrebbe utilizzare in modo proattivo i propri poteri legali per rispondere alle violazioni delle normative sui media, sulla base del suo monitoraggio sistematico.

Per garantire un'informazione imparziale ai partecipanti e consentire agli elettori di prendere una decisione informata, i media dovrebbero esercitare il loro diritto all'indipendenza editoriale ed evitare di utilizzare materiale prodotto dai partiti nei notiziari, soprattutto durante le campagne elettorali, si legge nel rapporto.

Il tribunale amministrativo dovrebbe utilizzare tutti i mezzi disponibili per sostenere il diritto a una tutela giuridica effettiva nelle controversie elettorali e le udienze in questi casi dovrebbero essere pubbliche.

La legge dovrebbe prevedere un periodo ragionevolmente breve affinché la Corte Costituzionale possa esaminare i ricorsi elettorali e consentire un periodo più lungo per lo svolgimento di elezioni ripetute, afferma il rapporto dell'ODIHR.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno