Il Qatar afferma che la “parte più difficile” nei negoziati è stato Israele

Doha/Foto: Hasan Zaidi / Alamy / Alamy / Profimedia

Il portavoce del Ministero degli Affari Esteri del Qatar, Mayed al-Ansari, ha affermato che la "parte più difficile" nel processo negoziale è stato Israele.

- Il processo di negoziazione è difficile sotto tutti gli aspetti. Ciascuna parte ha le proprie esigenze e riserve. Stiamo facendo del nostro meglio per sistemare le cose. Ma il lato più difficile è stato Israele, ha spiegato durante un briefing a Doha.

Al Ansari ha aggiunto che il Qatar non può confermare il numero totale di prigionieri detenuti a Gaza.

- Quello che possiamo dire con certezza è solo il numero dei prigionieri liberati, ha sottolineato.

Al-Ansari ha aggiunto che "la priorità in questo momento è che le donne e i bambini civili vengano rilasciati", aggiungendo che "i militari entreranno nella discussione" in seguito.

-Per quanto riguarda l'unione tra le fazioni palestinesi, questi sono affari interni dei palestinesi e dovrebbero essere risolti da loro. Tuttavia, non risparmieremo alcuno sforzo per riunire tutte le fazioni del popolo palestinese su un unico fronte, ha detto Al-Ansari quando gli è stato chiesto se Hamas avrebbe preso parte al processo elettorale a Gaza nel dopoguerra.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno