Avvisi "Iniziativa O2": all'Acquedotto è in costruzione una pista a motore incrociato

Organizzazione per la protezione dell'ambiente Iniziativa O2 ha invitato le autorità a reagire perché a quello di Skopje Acquedottot, che è un monumento dichiarato patrimonio culturale di particolare importanza cross-pista per moto.

 Il regime di protezione dell'Acquedotto vieta l'introduzione di impianti o l'introduzione di nuove finalità che provocano rumore, vibrazioni e inquinamento dell'ambiente - affermano dall'"iniziativa O2".

Aggiungono di aver già presentato denuncia all'Ufficio per la protezione dei beni culturali, all'Ispettorato del Comune di Skopje e al Comune di Karpos, sul cui territorio si trova l'Acquedotto.

Un anno fa Il governo, su proposta dell'Ufficio per la tutela dei beni culturali e parere del Consiglio nazionale per i beni culturali, ha dichiarato l'Acquedotto di Skopje un patrimonio culturale di particolare importanza, sottocategoria significato eccezionale. L'acquedotto è ora incluso nella categoria costituzionale "beni di interesse generale per la Repubblica della Macedonia del Nord" e gode di una protezione speciale ai sensi della Costituzione e della Legge sulla protezione dei beni culturali.

Purtroppo, nonostante questo l'Acquedotto si trova a stato disperato, alcune parti stanno cadendo a pezzi e l'ambiente è disordinato. Molti residenti di Skopje non sanno nemmeno dove si trova esattamente e i visitatori della città possono raggiungerla solo con l'aiuto di persone ben informate e vedere questo importante monumento storico e culturale.

Quattro anni fa è stato annunciato che sarebbe iniziata la sua completa rivitalizzazione e che sarebbe stato preparato un progetto per la conservazione dell'acquedotto. Finora nulla è cambiato, se non che, come riportato dall'"iniziativa O2" nello spazio disorganizzato vicino ad essa sono collocati pneumatici per cross track per moto.

Secondo i dati, si ritiene che l'Acquedotto sia stato costruito all'epoca del Giustiniano I., da 527 - 554, da qui viene chiamato anche questo oggetto Acquedotto Giustiniano. L'acqua veniva fornita attraverso di essa dalla sorgente Lavovec nel villaggio di Gluvo a Skopska Crna Gora, alla "caserma dell'artiglieria", la moschea Mustafa Pasha, all'ex ukuumat turco, al Kurshumli-an e alla moschea Siya-bey. L'acqua veniva trasportata attraverso l'Acquedotto attraverso tubazioni che andavano da ovest a est.

L'acquedotto di Skopje è stato ricostruito l'ultima volta dopo il catastrofico terremoto del 1963, quando sono stati riparati tre archi e due pilastri caduti a causa della magnitudo del terremoto.

Video del giorno