Un nuovo tentativo dell'Ucraina di restituire la Crimea sarebbe "sanguinoso" e "difficile"

Crimea / Foto: Arthur Lookyanov / Alamy / Alamy / Profimedia

Il presidente russo Vladimir Putin sperava di conquistare l'Ucraina in dieci giorni. Dopo nove mesi, sta affrontando seri problemi nei territori che è riuscito a conquistare. Ora lo slancio è dalla parte dell'Ucraina, dopo che le forze di Kyiv sono riuscite a compiere due importanti controffensive, nella parte nord-orientale intorno a Kharkiv e nel sud vicino a Kherson, che alla fine si sono concluse con perdite minime e massime trionfo, scrive il celebre settimanale britannico"Economista".

Ma quelle vittorie hanno ora sollevato la questione di cosa potrebbe significare un'ulteriore umiliazione per la Russia. I recenti successi dell'Ucraina potrebbero ora alimentare la loro ulteriore offensiva per liberare territori ucraini precedentemente conquistati, come la Crimea, che l'esercito di Vladimir Putin ha annesso nel 2014.

In un'intervista pubblicata la scorsa settimana, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha annunciato che l'esercito ucraino "vuole riprendersi tutti i territori".

Volodymyr Zelenski
Volodymyr Zelenski / 15 giugno 2022 / Foto: EPA-EFE / SERGEY DOLZHENKO

Ma gli esperti occidentali temono che un simile tentativo da parte dell'Ucraina sarebbe "molto difficile", scrive "Economist".

I comandanti ucraini sono molto cauti sui prossimi passi dell'esercito.

"Se disegniamo i nostri piani sui social network e in televisione, non otterremo nulla", afferma Mykhailo Zabdorsky, ex comandante dell'aviazione ucraina.

Per Zabdorsky, il ritorno della Crimea al momento non è possibile, e se Kiev vuole qualcosa del genere, deve pianificare per il 2023. E quando inizierebbe un'operazione del genere è un'altra domanda difficile. Ma secondo lui, "la storia ha sempre dimostrato che mantenere la Crimea è molto difficile".

Secondo le informazioni del quotidiano britannico, la possibilità di un'offensiva ucraina in Crimea "non è esclusa". Le strade che portano gli ucraini in Crimea sono ora nel raggio dei sistemi missilistici HIMARS, che hanno causato un grosso grattacapo alle forze russe da quando sono arrivate questa estate in aiuto dell'Ucraina dagli alleati occidentali.

Gli esperti ritengono che per ora l'Ucraina si concentrerà su altre aree. Ma attacchi simili a quello sul ponte di Crimea non possono essere cancellati. E gli stessi russi lo sanno, ecco perché hanno deciso di rafforzare la loro difesa, ricorda "Economist".

"Abbiamo dimostrato in ogni fase che le nostre tattiche e la nostra attenzione alla logistica sono corrette. Lo mostreremo di nuovo", ha detto una fonte ucraina al quotidiano britannico.

Le numerose battaglie per la Crimea nel corso dei secoli forniscono agli ucraini molti spunti. L'annessione della Russia, che si è conclusa in gran parte senza sangue nel 2014, in cui hanno perso la vita solo due soldati ucraini, non è un tipico esempio di ciò che può effettivamente accadere.

Le operazioni militari in Crimea di solito si concludono con migliaia di morti: solo nell'ultimo secolo, centinaia di migliaia sono caduti alle porte dell'isola, principalmente durante la guerra civile russa e la seconda guerra mondiale. La strada per la Crimea sarà sempre sanguinosa.

Ambizioni ucraine di restituire la Crimea

Gli esperti cambiano idea?

I veterani ucraini sembrano cambiare idea. L'ammiraglio Mykola Zhibarev, che nel 1992 provocò il crollo della flotta russa del Mar Nero dichiarando la sua fregata ucraina, ora afferma che la diplomazia è il modo più promettente per riconquistare il territorio conteso.

Andriy Ryzhenko, un capitano della marina ucraina in pensione nato in Crimea, afferma che un'operazione di successo richiederà che molte cose vadano bene. "C'è una reale prospettiva che le cose finiscano in uno spargimento di sangue". È un'operazione di cui l'Ucraina non ha bisogno".

Zabdorski, invece, insiste sul fatto che gli ucraini hanno un piano che "dovrebbe" avere successo. Ma crede che l'Ucraina non abbia bisogno di "forzare" questo attacco.

FOTO/ Crimea, Wikipedia

Secondo lui, ci sono altri scenari "interessanti" che le forze ucraine possono realizzare. L'ucraino attacca con droni sulla flotta del Mar Nero alla fine di ottobre, danneggiare l'ammiraglia Admiral Makarov e distruggere parte del ponte di Kerch erano esempi del pensiero dell'Ucraina.

I leader politici di Kiev ammettono in privato che la riconquista del Donbass e della Crimea è più complicata che lanciare slogan pubblici, riferisce "Economist".

Accettano che gran parte della popolazione rimane ostile a Kyiv. Le operazioni a Kharkiv e Kherson, ad esempio, sono state aiutate da una rete di "informatori comprensivi". Avverrà il contrario nelle aree del Donbass che sono detenute dalla Russia dal 2014, e dove la maggior parte dei simpatizzanti di Kiev è fuggita da tempo o è stata cacciata. È probabile che l'operazione per riconquistare la Crimea incontri la resistenza partigiana dei filo-russi.

Non è affatto chiaro che l'Ucraina possa contare su strati ancora più comprensivi della popolazione, come la comunità tartara di Crimea, molti dei quali hanno ormai accettato il dominio russo come un dato di fatto.

Foto: Profimedia

Ma Mykola Bilieskov, analista dell'Istituto nazionale ucraino per gli studi strategici, afferma che Zelensky è ora vincolato dalla sua promessa di restituire la Crimea.

Anche prima del successo delle controffensive a Kharkov e Kherson, i sondaggi mostravano che oltre l'84% degli ucraini era contrario a fare concessioni territoriali alla Russia in qualsiasi negoziato; quei numeri sono quasi certamente più alti ora.

Ciò solleva la possibilità che il presidente dell'Ucraina possa essere "messo all'angolo", conclude The Economist. Cercare di riportare la Crimea sotto il dominio ucraino sarebbe uno sforzo militare costoso e causerebbe una spaccatura con alleati che non può permettersi di alienare.

Video del giorno