La vita notturna del Paese sta morendo: da due anni nessuno chiede la licenza per una discoteca!

Night Club / Foto: EPA-EFE / VALENTIN FLAURAUD

Dal 2017 al 2022, il Ministero dell'Economia ha rilasciato 150 licenze per locali notturni, cabaret, discoteche e discoteche all'aperto, risulta dal loro Registro. Le licenze si rinnovano ogni anno e la più costosa è quella per una discoteca estiva: 10.000 euro, anche se la loro stagione è limitata a tre mesi.

Sono sempre meno i ristoratori a domicilio che decidono di aprire un night bar, un cabaret o una discoteca, probabilmente perché devono essere soddisfatte molte esigenze delle rispettive istituzioni. Affermano che la vita notturna a Skopje, così come in altre città, viene sacrificata a causa di requisiti istituzionali insormontabili. E dopo aver seguito la procedura, potrebbero scoprire che rappresentano una minaccia per l'ordine pubblico e la pace e non ottenere il permesso, il che non è economico.

Dal 2017 al 2022, il Ministero dell'Economia ha rilasciato 150 licenze per locali notturni, cabaret, discoteche e discoteche all'aperto, risulta dal loro Registro. I dati rivelano un altro dato interessante: per tutto l’anno scorso, ma anche all’inizio di quest’anno, non c’era alcun interesse a spostare la vita notturna nel paese, e dal 2018 al 2022, ben 32 richieste di aziende che volevano entrare in questo segmento della ristorazione sono stati respinti. Le licenze vengono rinnovate annualmente. Secondo la Legge sulle attività di ristorazione, per aprire un cabaret bisogna pagare da 2.500 a 5.000 euro in dinari, la licenza per un night bar costa da 5.000 a 7.000 euro e per una discoteca - 7.000 euro. La licenza per una discoteca estiva aperta è la più costosa: 10.000 euro, anche se la stagione è limitata a tre mesi.

- Secondo la Legge sulle attività di ristorazione, le licenze per discoteche, discoteche all'aperto, cabaret e locali notturni sono valide per 1 anno e vengono rilasciate sulla base della documentazione allegata e del compenso pagato, secondo le decisioni del comune e della città di Skopje. Se l'esercizio di ristorazione non soddisfa le Condizioni Tecniche Minime (MTU) e le condizioni di ordine pubblico, tranquillità e traffico (per le quali presenta una notifica da parte del Ministero dell'Interno e dell'Ispettorato Statale del Mercato) e la prova del pagamento, è rilasciato la licenza entro 15 giorni. In caso di parere negativo da parte del Viminale (per turbamento dell'ordine pubblico e della quiete) o del DPI per inadempimento della MTU, la sua richiesta viene respinta - spiega a "Pressa Libera" il Ministero dell'Economia.

La legge prevede che non sia possibile aprire un night bar, un cabaret o una discoteca in un locale commerciale situato in un edificio residenziale collettivo. L'importo del canone è determinato dai consigli dei comuni e dal consiglio della città di Skopje. La metà delle somme per le licenze vanno ai comuni, l'altra metà va al bilancio dello Stato. 30 giorni prima della scadenza del periodo di validità di una licenza precedentemente rilasciata, il Ministero dell'Economia ricorda al titolare della licenza il periodo di validità della sua.

– I locali notturni e i cabaret possono funzionare dalle 20.00:04.00 alle 1:31 del giorno successivo, il venerdì e il sabato, i giorni festivi e festivi opposti, nonché nel periodo dal 25 giugno al 15 agosto e nel periodo da dicembre Dal 20.00 al 05.00 febbraio possono lavorare dalle 31:20 alle 1:2 del giorno successivo, e il 06.00 dicembre fino alle 19.00:04.00 del giorno successivo, l'1 e il 31 gennaio fino alle 25:15 del giorno successivo. Le discoteche, siano esse chiuse o all'aperto, possono funzionare dalle ore 19.00 alle ore 05.00 del giorno successivo, nei giorni di venerdì e sabato, festivi e festivi opposti, nonché nel periodo dal 31° giugno al 19 agosto e nelle nel periodo dal 1 dicembre al 2 febbraio si potrà lavorare dalle 06.00:XNUMX alle XNUMX:XNUMX del giorno successivo, e il XNUMX dicembre fino alle XNUMX:XNUMX del giorno successivo, il XNUMX e XNUMX gennaio fino alle XNUMX:XNUMX. il giorno dopo - è scritto nella Legge sulle attività di ristorazione.

I ristoratori sostengono che a Skopje non c'è vita notturna!

In piena estate 2022, i proprietari dei locali notturni estivi di Skopje si sono lamentati del fatto che non stavano ottenendo le licenze per lavorare. Hanno affermato che la vita notturna a Skopje è completamente spenta e che loro sono svantaggiati, e hanno chiesto soluzioni a questa situazione al governo e ai ministeri. Il Ministero dell'Interno ha invece sottolineato all'epoca che si trattava di diversi ristoratori con strutture nel parco cittadino, i cui requisiti non sono supportati dalla legge e non soddisfano le condizioni del traffico. In rappresentanza dei loro interessi, l'allora presidente della Camera indipendente dell'ospitalità, Zdravko Josifovski, si oppose alle reazioni delle iniziative civili che denunciavano la cosiddetta inquinamento acustico proveniente dal parco cittadino di Skopje, commentando che se negli ultimi anni ci fosse stata la musica ad alto volume, la città avrebbe potuto spostare le strutture.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno