Ninja ha ricevuto altri sei mesi di prigione, ha ammesso di aver aiutato Boskoski e Grujewski a fuggire

Condannato a una pena bassa per l'irruzione in Assemblea avvenuta il 27 aprile, Aleksandar Vasilevski – Ninja, ha ammesso dinanzi al tribunale di aver aiutato la fuga degli ex agenti dei servizi segreti, Goran Grujevski и Nikola Boskoski, che sono stati condannati nel caso di intercettazioni di massa.

Dal Tribunale Penale per "fuocoDicono che Ninja sia stato condannato a sei mesi di reclusione dopo essersi dichiarato colpevole, cioè aver ammesso di aver commesso il reato di "assistere un autore nella commissione di un reato", senza rivelare maggiori dettagli.

Ninja è stato inizialmente condannato a otto anni di reclusione, anche se per il reato per il quale è stato processato la pena minima è di dieci anni. Un appello ha poi ridotto la sua condanna a sette anni. È stato un testimone chiave nel processo per l'irruzione del 27 aprile in Assemblea e l'opposizione ha affermato che l'intera accusa era basata sulla sua testimonianza.

Al processo del 27 aprile, ha affermato di essere un uomo della polizia segreta, portato da Grujevski e Boskoski, sebbene non sia mai stato impiegato dai servizi. Ha anche affermato che dopo l'irruzione in Assemblea, sotto la pressione di Grujevski, è scappato, ma nonostante lo avesse convinto a non arrendersi, ha deciso di chiamare lui stesso la polizia.

Goran Grujevski e Nikola Boshkoski sono fuggiti in Grecia e la Corte Suprema ha deciso di non estradarli in Macedonia a causa della grazia ricevuta dall'ex presidente, Gjorge Ivanov, che è stata annullata in Macedonia.

Video del giorno