Una storia di vita incredibile: da operaio a giocatore della nazionale croata

foto: EPA-EFE / LUONG THAI LINH

L'inizio si avvicina Campionato Europeo nel calcio che si svolgerà dal 14 giugno al 14 luglio in Germania.

In questo campionato continentale, la squadra nazionale di Croazia è nel girone forse più incerto con Spagna, Italia e Albania.

Zlatko Dalić è tra i convocati sull'allenatore croato Marco Pasalic di cui si racconta un'incredibile storia di vita e il suo percorso da operaio a rappresentante della Croazia.

Questa ala, mentre costruiva la sua carriera calcistica, lavorava nell'edilizia per guadagnarsi da vivere.

A proposito, Marko è nato e cresciuto a Karlsruhe, in Germania, e lì ha mosso i suoi primi passi calcistici. Era membro di Hoffenheim, Karlsruhe e Stoccarda, ed era anche membro del Borussia Dortmund. L'anno scorso è andato a Rijeka e lì ha continuato la sua carriera professionale.

- Ho iniziato nel 2017...Mio padre mi ha iscritto all'università dopo il liceo, ma non l'ho finito a causa del calcio. Mi ha detto che se non fossi andato a scuola, avrei dovuto andare in un cantiere edile. Io, mio ​​fratello e due operai ci incontravamo ogni mattina alle otto. Il momento peggiore è stato quando guidavo su strada sterrata e fuori c'erano 35 gradi. Dopo sei-sette mesi ho iniziato a imbiancare. Alla fine la cosa più importante è avere il pane in casa - sono le parole di Pašalić.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno