Navalny ha chiesto all'Occidente di ampliare l'elenco degli oligarchi russi sanzionati

Il politico russo Alexei Navalny / foto EPA

Il dissidente russo Alexei Navalny ha invitato l'Occidente a introdurre sanzioni ancora più forti contro gli oligarchi russi, in condizioni in cui Mosca continua la guerra in Ucraina.

"Non dimentichiamo che le sanzioni sono necessarie per far fermare la guerra all'aggressore. Per mettergli pressione. Sono disponibili soluzioni complesse come l'embargo su petrolio e gas. Ma ci sono anche sanzioni personali molto semplici. Non hanno bisogno che di volontà politica", ha scritto dal carcere dove sta scontando una lunga pena.

In una serie di post su Twitter, Navalny critica il fatto che il direttore della compagnia petrolifera statale "Rosneft" Igor Sechin sia nell'elenco delle persone sanzionate, mentre il direttore di "Gazprom" Alexey Miller non lo è.

Ad esempio, ha anche indicato il miliardario Roman Abramovich, che non è nemmeno nella lista americana degli oligarchi russi sanzionati.

Dei 200 cittadini russi più ricchi dell'elenco dell'edizione russa di "Forbes", appena un quarto è nell'elenco sanzionato, scrive Navalny.

Navalny sta attualmente scontando una pena detentiva di nove anni, inflitta per il presunto reato di "frode". È considerato un prigioniero politico a causa delle sue aperte critiche alle autorità russe.

Video del giorno