Naumoski di Vitaminka: il prezzo dell'olio da cucina ridotto di 40 denari

img alt
Olive / Printxrin-YouTube

Il prezzo dell'olio da cucina è stato ridotto di 40 denari e il prezzo dei materiali di riproduzione è rimasto lo stesso, ha osservato il direttore esecutivo generale di "Vitaminka", Sašo Naumoski, durante la visita odierna del presidente del governo della Repubblica di Macedonia del Nord alla fabbrica "Brilliant" di Shtip, che fa parte del gruppo "Vitaminka".

- Il prezzo è sceso di quasi 40 denari e stiamo cercando di abbassare ulteriormente il prezzo e portarlo, se possibile, ai prezzi di tre anni fa. Il prezzo dipende principalmente dal nostro prodotto dalla materia prima, afferma Naumoski.

Ha osservato che non sono in competizione per l'elettricità più economica dal 1 ° dicembre perché hanno installato centrali fotovoltaiche e la produzione di elettricità da loro riduce i costi di produzione del prodotto finale del 30 percento.

Mentre il primo ministro Kovacevski è stato interrogato sui vantaggi per l'installazione di impianti fotovoltaici, ha sottolineato che il governo ha completamente cambiato le norme legali. Ma è deciso che il loro atteggiamento è che gli impianti fotovoltaici non dovrebbero essere collocati su terreni agricoli di prima e seconda classe.

-Per quanto riguarda le centrali di maggiori dimensioni, anche qui è stata apportata una modifica al regolamento e qui sono state accelerate le procedure. Tuttavia, voglio sottolineare una cosa molto importante. Non possiamo permettere che terreni di prima classe e di seconda classe vengano utilizzati per il fotovoltaico. Il regolamento si applicherà ai terreni di quarta, quinta, sesta classe da utilizzare per la produzione di energia elettrica, ma i terreni di prima e seconda classe dovrebbero essere utilizzati per la produzione agricola, perché il cibo è importante quanto lo è anche l'energia e per questo il Ministero dell'agricoltura, della silvicoltura e della gestione delle risorse idriche, il ministero dei trasporti e delle comunicazioni e altri dipartimenti sono in costante comunicazione, afferma Kovacevski.

Il Presidente del Consiglio ha aggiunto che se per alcune aziende c'è un fermo per l'installazione di impianti fotovoltaici, allora come dice, probabilmente si tratta di trasformazione di terreni di prima e seconda classe, che a suo avviso non si dovrebbero fare.

Video del giorno