La più bella donna jugoslava visse come in una favola, ma finì come in un'antica tragedia

Nikica Marinovic
Foto: Profimedia

Nessuno nei paesi dell'ex Jugoslavia, anche vivendo in uno stato comune, ha ottenuto il successo del bello Nikica Marinovic di Dubrovnik, che è stata nominata la prima classificata al concorso di Miss Mondo del 1966 a Londra. La vita di questa bella donna croata sembrava una favola, ma dopo le trame di Hollywood è finita come un'antica tragedia.

Nikica si troverà per caso nella selezione della donna più bella del mondo. Vale a dire, il settimanale femminile "Bazar" in quel momento ha assunto i diritti per essere eletta Miss Jugoslavia, e poiché la caporedattrice non era soddisfatta delle candidature registrate, deciderà di andare da sola alla ricerca di bellezze anonime.

Nella ricerca incontrerà Nikica Marinovi, allora ancora liceale minorenne, che avrà il difficile compito di convincere i suoi genitori conservatori a permetterle di mostrare la sua bellezza a tutta la Jugoslavia.

La stessa Nikica è timida, quindi esiterà a lungo se deve apparire in un costume da bagno a due pezzi, ma alla fine cederà comunque alle forti insistenze degli allora titolari della licenza di Miss Mondo.

A Londra viene accolta come una dea: è la prima miss dai paesi del blocco socialista ed è una piacevole sorpresa per il pubblico locale. Tutti si aspettano una donna dall'aspetto ruvido, forse anche un uomo, ma Nikica era l'incarnazione di una donna e di una bellezza angelica.

Ancora oggi, si ipotizza che il titolo le sia sfuggito solo perché viene da un paese comunista, e presumibilmente il pubblico ha accolto con evidente insoddisfazione la decisione che Nikica non è una vincitrice.

Foto: Profimedia

 

Dopo aver conquistato il pianeta con la sua bellezza, Nikica si è trasferita a Belgrado. È interessante notare che ha rifiutato il famoso regista Roberto Rossellini che le ha offerto un ruolo nel suo film, ma poi ha pensato di non essere pronta per la brutale industria di Hollywood.

Nella capitale serba, questa giovane donna si innamorerà dello scrittore e regista Vuk Vuch, e questo amore è stato coronato dal matrimonio e dalla nascita di suo figlio George. Meno di cinque anni dopo, tuttavia, seguì il divorzio, ma a questa donna fatale non mancarono i corteggiatori...

 

 

Così presto nella sua vita è apparso il famoso regista Zdravko Shotra, al quale ha anche detto il fatidico sì, e la coppia ha un figlio Marko. Anche questo matrimonio non sopravvive: la catastrofe seguì nel 1980.

"Inizialmente non mi sono innamorato della prima escort di Miss World, quindi per chiamarla sul set - mi sono innamorato durante le riprese. Le persone intorno a me erano assolutamente gelose di Nikica. Me lo dicevano... Cioè, è difficile preservare l'intimità di un matrimonio artistico, e i pochi che ci sono riusciti, significa che queste persone avevano abbastanza intelligenza. "Non ce l'avevo e mi dispiace molto per questo", ha detto Shotra in quel momento.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Papalina (@dragicakrasavcevichamzagic)

Dopo due divorzi, Nikica si ritira dalla vita pubblica e si dedicherà alla sua attività: una piccola boutique a Knez Mihailova, che sarà molto popolare, molte persone verranno a vederla. Ma poi il suo nome viene menzionato sempre meno, e ad un certo punto perderà ogni traccia e appariranno voci tristi: che è gravemente depressa, che va spesso da uno psichiatra e che ha finito i soldi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Noticia Sobre Misses (@noticiasobremisses)

Avrebbe vissuto molto sola e avrebbe interrotto ogni contatto, anche con i suoi amici più cari, e coloro che rimangono con lei affermano che è molto infelice e che le manca terribilmente Dubrovnik, specialmente durante la guerra.

Che questo sia davvero vero è dimostrato da una delle sue ultime colonne pubblicate sulla rivista "Vreme", che dedica alla sua città natale, e forse la frase "Vivere e desiderare Dubrovnik, sono io!" parla meglio di come si sentiva.

Nel novembre 2008, Nikica ha deciso di ostacolare la sua agonia, prendendo una dose letale di sonniferi, senza una lettera o un messaggio d'addio. Aveva 61 anni.

Video del giorno