Almeno cinque ore al giorno i minori "navigano" in Internet, i genitori raramente installano software di controllo

skopje telefoni cellulari telefono cellulare
Foto: EPA-EFE / GEORGI LICOVSKI

Il XNUMX% degli intervistati inclusi in un sondaggio dell'Agenzia per le comunicazioni elettroniche ha affermato che i minori all'interno della propria famiglia trascorrono in media più di cinque ore connesse a Internet.

-Circa la metà degli intervistati o il 46,3% sa che esiste un programma di controllo parentale che fornirà Internet sicuro ai minori di 18 anni. Di questi, solo il 10,2% ha già installato tale software, mentre di quegli intervistati che non hanno installato tale software e sanno che esiste, circa il 61% lo installerebbe. Circa il 10 per cento degli intervistati che hanno un atteggiamento positivo nei confronti dell'installazione del software di controllo parentale sa dove trovarlo, secondo i risultati chiave del rapporto dell'indagine sull'opinione pubblica sulla protezione degli utenti dei servizi elettronici.

Negli ultimi quattro anni, si afferma nei risultati, si registra un trend crescente nel numero di famiglie in cui l'accesso a Internet è utilizzato anche da minori. Nel 2022, ben il 43,2 per cento degli intervistati ha risposto che i minori utilizzano Internet in casa e ben l'85,6 per cento dei minori utilizza Internet ogni giorno.

Secondo il sondaggio, il numero di utenti di servizi Internet in famiglia è aumentato dal 79% all'89% negli ultimi cinque anni. Degli intervistati che hanno accesso a Internet nella propria famiglia, solo il 29,5% conosce la velocità della connessione Internet che dovrebbe essere fornita dall'operatore e il 76,8% ritiene di ricevere la velocità e la quantità di dati previste dal provider Internet.

Come affermato nei risultati, negli ultimi quattro anni c'è stato un aumento del numero di intervistati che hanno riscontrato qualche tipo di problema nell'utilizzo di Internet da casa, ovvero nel 2022 solo il 29% degli intervistati non ha avuto problemi con la loro connessione Internet a casa. I problemi più comuni con Internet sono velocità di connessione incoerente (34,2 per cento), interruzioni/indisponibilità del servizio (30,6 per cento) e problemi con le apparecchiature tecniche.

A causa di interruzioni o indisponibilità del servizio negli ultimi 12 mesi, il 38,4% delle famiglie ha contattato il provider Internet e per il 55,7% di esse il problema segnalato è stato risolto lo stesso giorno.

-Circa il 27% delle famiglie con accesso a Internet si è lamentato telefonicamente con il proprio provider e il 30,7% degli intervistati ha dichiarato di essere completamente soddisfatto della risposta ricevuta dal provider Internet. Solo l'1,6% delle famiglie con accesso a Internet ha inviato un reclamo scritto all'ISP, secondo alcuni dei risultati chiave del sondaggio.

Il sondaggio è stato condotto dal 13 aprile al 15 marzo di quest'anno su un campione rappresentativo casuale di 1100 intervistati di età pari o superiore a 18 anni, tra utenti di uno qualsiasi dei servizi di comunicazione elettronica: telefonia fissa, telefonia mobile, Internet e televisione.

Il campione è rappresentativo per genere, età, etnia e luogo di residenza, in relazione ai dati statistici ufficiali al momento della rilevazione, disponibili presso l'Ufficio di Statistica dello Stato - Dati del censimento 2021.

Video del giorno