La riforma fiscale annunciata fa male a tutti

Caldo, tutto con aria condizionata
foto: Free Press / D. Mitreski

Le critiche sono state rivolte alla "tempistica" della riforma, all'incertezza fiscale, all'abolizione dell'esenzione fiscale sugli utili reinvestiti...

Sebbene il concetto presentato per la riforma fiscale, come afferma il ministro Fatmir Besimi, sia solo una proposta per la quale si attende un ampio dibattito, finora ci sono state solo aspre critiche nei suoi confronti nell'opinione pubblica. Riguardo alle critiche, Besimi dice che sono attese perché le riforme fiscali provocano sempre tali reazioni e che saranno accettate soluzioni motivate. Sottolinea che non c'è una proposta del ministero delle Finanze sul metodo di tassazione equa, cioè se verrà applicata la tassa progressiva, e non c'è una proposta di pagamento dei contributi per chi lavora con contratto, ma che tale discussione è tornando, soprattutto a causa delle numerose critiche del FMI e della Banca Mondiale.

Quella che viene proposta dal ministero delle Finanze è la tassazione delle immobilizzazioni, restringendo dal 5 per cento l'elenco dei beni e servizi per i quali si paga l'IVA, aumentando la soglia inferiore alla quale vengono pagati i contributi pensionistici e sanitari, che ora è di 16 stipendi medi ... Besimi ha detto che la riforma sarebbe iniziata dal 1 gennaio del prossimo anno, ma che sarebbe stata attuata gradualmente.
Uomini d'affari ed esperti economici sono usciti con numerosi commenti e le loro opinioni.

Qual è la cosa più rivoltante?

Secondo Angel Dimitrov dell'Organizzazione dei datori di lavoro, la più controversa è l'idea di annullare l'esenzione fiscale sugli utili reinvestiti.

– L'idea di introdurre un'imposta sul reddito delle persone fisiche sulle plusvalenze sugli interessi sui depositi a risparmio e su qualche altro reddito personale va bene. Per il pagamento dei contributi per l'assicurazione sanitaria e pensionistica dei contratti di lavoro, occorre distinguere tra occupati e disoccupati. La più problematica è l'idea di abolire l'esenzione fiscale sugli utili reinvestiti. Da un lato, lo stato, attraverso vari progetti, restituisce gli investimenti effettuati in attrezzature e, dall'altro, vuole tassare i fondi dal profitto che investiranno le società - afferma Dimitrov.

Il presidente dell'Associazione dei consulenti fiscali, Pavle Gatsov, non è d'accordo sui tempi della riforma.

- Per le imprese, ciò comporterà un aumento del carico fiscale e un aumento dell'aliquota fiscale effettiva, a seguito dell'ampliamento della base imponibile. Influirà sulla riduzione della redditività e sulla possibilità di un'uscita più rapida dalla crisi, pressata da ragioni politiche, energetiche e sanitarie già note - ha affermato Gatsov.

I profitti delle banche sono strabilianti

Gatsov ha anche affermato che "sebbene le banche commerciali abbiano realizzato profitti extra negli ultimi anni, le autorità fiscali non riconoscono questa posizione come un'opportunità per un'occupazione aggiuntiva da parte delle istituzioni finanziarie, che può essere utilizzata per mantenere parte delle entrate pubbliche necessarie. "

Gli alti profitti delle banche come possibile fonte di finanze pubbliche sono stati commentati da Zoran Vitanov, imprenditore e autore di diversi libri professionali.

"Il governo prevede di aumentare le tasse?" Vorrei dare loro un suggerimento: il settore bancario in Macedonia realizza circa 150 milioni di euro di utile netto annuo. Se li tassate con un'imposta progressiva sul profitto del 33 per cento, ecco i 50 milioni di euro desiderati nel budget. Lascia in pace i cittadini e il settore MPS (piccole e medie imprese, alias), smetti di tassare chi dichiara onestamente i propri redditi e profitti!", ha scritto Vitanov sul suo profilo Facebook.

Cambiamenti frequenti portano incertezza

Secondo l'ex ministro delle Finanze Cevdet Hayredini, per avere più soldi in bilancio, "è più necessaria una riforma radicale delle spese di bilancio e non sono nemmeno raccomandabili frequenti modifiche al sistema fiscale".

Riguardo al concetto presentato di riforma fiscale, Hajredini afferma che il concetto di smart-finance di cui parla Besimi è una buona soluzione, ma nella presentazione manca un elemento significativo.

- Fin dall'inizio del mio mandato come Ministro delle Finanze, ho sostenuto la creazione di un sistema intelligente nella gestione delle finanze pubbliche - SMART finance. Questo sistema si basa su una strategia chiara, di sostenibilità, di responsabilità, orientata alla riforma e trasparente, infatti come dice l'acronimo stesso (S-strategic, M-maintainable, A-accountable, R-reform-oriented, T-transparent) . Ma dal concetto presentato finora, non è solo visibile se le tasse aumenteranno o diminuiranno con la finanza intelligente - afferma Hajredini.

La tassazione progressiva ha avuto una "carriera breve" ed è stata poi sospesa fino al 1 gennaio 2023. Tuttavia, la legge sull'imposta sul reddito delle persone fisiche ha sospeso l'aumento dell'aliquota d'imposta dal 10 al 15 per cento per i redditi da diritti di proprietà industriale, i redditi da locazione e sublocazione, i redditi da capitale, le plusvalenze, i redditi assicurativi, nonché la tassazione degli interessi . Secondo le attuali dichiarazioni di Besimi, è possibile che il 1° gennaio rimarrà ben poco o nulla di tali decisioni legali.

Video del giorno