Il 7 ottobre apre a Ohrid il club bulgaro "Boris Treti".

Foto: Agenzia "Archivi" Bulgaria / Dimitar Karastoyanov / Wikipedia

Il 7 ottobre verrà inaugurato a Ohrid il nuovo centro culturale bulgaro, che porta il nome dello zar Boris III, capo dello stato bulgaro durante la seconda guerra mondiale e l'occupazione della Jugoslavia, e nel suo quadro anche di Macedonia.

Un ospite d'eccezione all'inaugurazione sarà l'imprenditore e filantropo bulgaro Milen Vrabevski, che ha pagato per aprire il club, annunciare gli organizzatori.

Foto: Facebook

Dopo l'apertura del club culturale bulgaro "Ivan Mihailov" a Bitola a giugno, il pubblico ha appreso che si prevede di aprire un "club" simile con il nome "Tsar Boris the Third" e i fondatori non hanno chiesto un parere al Ministero della Giustizia sul nome, ma avevano scritto il permesso di usarlo dal figlio dello zar Boris, l'ex primo ministro bulgaro Simeone di Sassonia-Coburgo. Per il caso dell'impugnata registrazione ad agosto interessa anche la Procura della Repubblica.

Boris III era a capo della Bulgaria quando, in collaborazione con la Germania nazista, il paese partecipò all'occupazione della Jugoslavia e della Grecia, e prima ancora guadagnò territorio anche in Romania e si espanse fin quasi ai confini di Santo Stefano, quindi in Bulgaria storiografia il re è anche chiamato "L'Unificatore". Boris III è una figura storica controversa in un altro aspetto delle relazioni macedone-bulgare - anche se secondo la storiografia bulgara, ha contribuito a salvare gli ebrei di Bulgaria dalla morte nei campi di concentramento, non ha fatto lo stesso per gli ebrei di Macedonia, che furono quasi completamente sterminati dopo che fu l '"amministrazione" bulgara a mandarli nel campo di sterminio nazista di Treblinka in Polonia.

Sugli annunci sull'apertura di un locale con il nome di Boris Treti reagito La comunità ebraica della Macedonia.

"Ricordiamo che lo zar Boris III e il governo della Bulgaria zarista sono direttamente responsabili della deportazione di oltre 11.300 ebrei dai territori occupati di Macedonia, Grecia e Serbia, di cui 7.144 ebrei della Macedonia, al centro di sterminio di Treblika nella Polonia occupata. Il 21 gennaio 1941, lo zar Boris III firmò la legge antiebraica per la protezione della nazione, adottò lo slogan della Germania nazista "Uno zar, un popolo, uno Stato" e fu un comprovato cospiratore per attuare il cosiddetto " Soluzione finale della questione ebraica", dissero poi dalla comunità ebraica.

Video del giorno