Un ragazzo che cerca patate trova un'antica statua egiziana: gli archeologi scoprono finalmente come è finita in Scozia

Foto: Musei nazionali scozzesi

Più di settant'anni fa, un ragazzo costretto a scavare patate nel cortile di una scuola in Scozia come punizione per essersi comportato male in classe trovò un'antica statua egiziana nel terreno, e solo ora gli scienziati hanno scoperto come sia finita così lontano dal Cairo. "Scienza di vita".

Tra il 1952 e il 1984, diverse statue antiche furono ritrovate nel cortile della "Melville House", un edificio pubblico nella contea di Fife che servì come caserma durante la seconda guerra mondiale e in seguito divenne un collegio.

Gli studenti e i loro insegnanti hanno consegnato ciascuno dei reperti agli esperti del museo che hanno stabilito che si trattava di manufatti egizi, ma nessuno di loro sapeva come fossero finiti lì.

Si dice che le cifre appartenessero all'ex proprietario di Melville House. Alexander Leslie Melville, noto anche come Lord Balgony, viaggiò in Egitto nel 1856 e morì un anno dopo in Gran Bretagna.

Balgoni riportò numerosi souvenir dai suoi viaggi in un periodo in cui molti tornavano L’Egitto vendette illegalmente antichi manufatti agli stranieri.

Dopo la sua morte, i membri della famiglia spostarono le figure in una dependance nel cortile e se ne dimenticarono, e fu demolita pochi anni dopo.

Decenni dopo, furono ritrovati 18 oggetti antichi ed Elizabeth Goring, ex curatrice dei Royal Museums of Scotland di Edimburgo (ora National Museum of Scotland), afferma che lo scavo e la ricerca di questi manufatti è stato il progetto più straordinario della sua carriera.

"È una collezione affascinante, soprattutto a causa del mistero che circonda le sue origini", afferma Margaret Maitland, capo curatore della collezione dell'Antico Mediterraneo presso il Museo Nazionale della Scozia, dove sono conservati gli oggetti.

Maitland dice che scoprirli I manufatti egizi sepolti in Scozia per più di 100 anni forniscono la prova del livello del commercio di antichità nel XIX secolo.

Altrimenti, questi sono gli unici oggetti antichi egizi scoperti in Scozia. Sulla Piattaforma X sono già apparse persone che affermano che tutti gli antichi manufatti egiziani portati in Europa in circostanze misteriose sono stati effettivamente rubati o rapiti e che è necessario restituirli in Egitto.

Puoi vedere le foto di altri manufatti egiziani QUI.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI