Silenzio dalla città di Skopje e dal MES: non si fa nulla né sul ponte Belasica né sotto di esso e nessuno spiega il perché

Ponte Belasica/free press/foto Slobodan Djuric

Autunno, inverno, è passata un'intera stagione di riscaldamento e le nuove tubature giacciono ancora accanto al ponte, mentre ESM, da cui hanno ripetutamente affermato che si tratta di un'attività complessa, ora non risponde quale sia il problema e perché l'acqua calda i tubi non sono stati ancora installati.

Che cosa sta succedendo al ponte "Belasica", perché non è ancora completamente aperto al traffico e perché anche dopo otto mesi dalla rimozione dei tubi dell'acqua calda antincendio non se ne installano di nuovi, sono domande su cui si interrogano i cittadini. di Skopje vorrebbero ricevere una spiegazione, soprattutto quelli che la strada li conduce quotidianamente su questo ponte.

La città di Skopje e il MES sono rimasti in silenzio per mesi sul fatto che lì non si fa nulla, quindi i cittadini sono giustamente preoccupati.

Ogni giorno sul ponte, nelle due corsie su cui si percorre, si registra una folla senza precedenti nelle “ore di punta” del traffico, il ponte è carico al massimo. Da nessuna parte verrà loro spiegato il motivo per cui il traffico non è stato completamente liberato. Non era per la sicurezza dei lavoratori? E non ci sono lavoratori. Perché non viene fatto nulla e i tubi non vengono installati? E il ponte è davvero sicuro? Qualche problema ci deve essere, ma se c'è non si deve giocare con la sicurezza dei cittadini. O lasciamo che chiudano o lasciamoli andare se va tutto bene - ha reagito Zoran P. nella redazione di "Sloboden Pechat".

Il calvario con la “Belasica” va avanti dal maggio dello scorso anno, quando venne dato alle fiamme il ponte. Poi per mesi l'edificio è stato chiuso al traffico, si è analizzato se l'incendio ne ha compromesso la stabilità, se ha causato danni gravi. Poi, all'inizio di settembre, il ponte è stato parzialmente aperto al traffico. La spiegazione del sindaco Danela Arsovska è che ci saranno due corsie, e le due centrali saranno aperte al traffico dopo che l'ESM avrà finito di installare le nuove tubazioni. Come ha detto, ciò è stato fatto per la sicurezza dei lavoratori che lavorano sotto il ponte.

Ponte Belasica/free press/foto Slobodan Djuric

Allora, come adesso, non era chiaro come il ponte potesse essere sicuro da percorrere su due delle sue corsie e non sicuro per i lavoratori che lavoravano sotto di esso. Per quanto riguarda ciò di cui le autorità temono, finora non abbiamo ricevuto risposta, ma il ponte, anche dopo quasi un anno dall'incendio, è ancora parzialmente in uso.

Nel frattempo, le squadre dell'ESM hanno smantellato i tubi bruciati e hanno annunciato che ne installeranno di nuovi. È passato l'autunno, l'inverno, un'intera stagione di riscaldamento e le nuove tubature giacciono ancora accanto al ponte, mentre l'azienda rispondeva sempre la stessa cosa: che si tratta di un'attività complessa.

Nell'ultimo periodo, ESM Distribuzione ha lavorato attivamente al ripristino del gasdotto vicino al ponte Belasica. I tubi danneggiati sono stati rimossi con successo e ne sono stati introdotti di nuovi. L'installazione di nuove tubazioni è un'attività complessa e richiede impegno e lavoro serio, e viene fatto ogni sforzo per completare il ripristino nel più breve tempo possibile. Mentre continuano le attività per l'installazione delle nuove tubazioni, viene utilizzata la linea alternativa del ponte ferroviario, che ha la capacità di effettuare la fornitura continua di energia termica ai consumatori - ha risposto l'ESM a gennaio.

Il risanamento "cosmetico" della "Belasica" è diventato un problema: non si riparano né il ponte né si installano le tubazioni

Ora non si spiega da lì perché i tubi dell'acqua calda non sono stati ancora installati e se c'è qualche problema a causa del quale non si fa nulla per mesi. Hanno scelto di restare in silenzio davanti ai cittadini.

E il sindaco Arsovska sostiene da mesi che il ponte è sicuro. Ma anche se a settembre è stato parzialmente messo in circolazione, solo alla fine di dicembre la città di Skopje ha deciso di testarne la resistenza con un carico di oltre 200 tonnellate.

 L'analisi ha stabilito che il ponte è in ottime condizioni ed è affidabile e sicuro per il traffico e la circolazione dei cittadini. Inoltre è stata effettuata la prima fase di prova di carico, e attualmente è in attesa di essere completata l'installazione della conduttura di energia termica, dopo di che il ponte sarà pienamente operativo - ha affermato la Città dopo il test.

L'ESM non ha ancora avviato il risanamento del ponte “Belasica”, si è trattato di un'attività complessa

A metà aprile la situazione non cambia, tranne che apprendiamo ufficiosamente che presto il ponte verrà nuovamente caricato con sei camion, come a dicembre.

Il Comune non lo conferma né lo smentisce. Da lì non rispondono alla domanda sul perché viene effettuato di nuovo il carico, quando dopo il primo, come si vantavano, è stato stabilito che il ponte non solo è sicuro ma è in "condizioni eccellenti". Non dicono nemmeno se si prevede (e quando) che il ponte sarà completamente aperto al traffico.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno