Il Ministero degli Affari Esteri invierà un messaggio di cautela ai cittadini macedoni in Israele

Ministero degli Affari Esteri - edificio / Foto: "Sloboden Pechat" / Dragan Mitreski

Non ci sono nuove segnalazioni da parte dei nostri cittadini che si trovano in Israele e nella regione del Medio Oriente per una possibile evacuazione, ha detto oggi il capo dell'ambasciata, Bujar Osmani, e ha annunciato che oggi il MAE invierà un messaggio di cautela anche ai cittadini i nostri cittadini lì.

- Al momento non abbiamo nuove richieste. Monitoriamo costantemente la situazione. Questa mattina ho avuto un'altra conversazione con il nostro ambasciatore in Israele. Ci sono state alcune notizie secondo cui Israele avrebbe attaccato l'Iran durante la notte, ma non sono state ancora confermate ed è per questo che non vi ho informato di questo problema. Tuttavia, queste sono le informazioni dalla conversazione mattutina che ho avuto con il nostro ambasciatore non abbiamo alcuna richiesta di evacuazione né tramite il telefono SOS né tramite la nostra ambasciata, ha dichiarato Osmani alla domanda di un giornalista dopo la dichiarazione alla Camera di commercio della Macedonia del Nord, dove ha preso parte alle attività elettorali come candidato alla presidenza.

Solo un cittadino macedone si è presentato all'ambasciata in Israele e ha chiesto di essere evacuato

Egli ha sottolineato che oggi gli Stati Uniti raccomandano ai propri cittadini di non lasciare Tel Aviv e i principali centri di Israele a causa di possibili attacchi. Ha annunciato che oggi il nostro MAE invierà un messaggio di cautela ai nostri cittadini.

- In giornata informeremo anche i nostri cittadini anche se siamo costantemente in comunicazione con chi c'è, dice Osmani.

L'ambasciata americana in Israele ha detto oggi ai suoi dipendenti e alle loro famiglie di limitare i loro movimenti in seguito alle notizie secondo cui Israele avrebbe lanciato un attacco di ritorsione contro obiettivi in ​​Iran.

Dopo gli attacchi iraniani contro Israele sabato, è stato istituito uno staff di crisi presso il Ministero degli Affari Esteri, il cui compito principale è organizzare, se necessario, l'evacuazione dei cittadini macedoni da Israele e dal Medio Oriente. All'inizio della settimana, il Ministero degli Affari Esteri ha informato che solo un cittadino macedone ha chiesto di essere evacuato da Israele in seguito all'appello rivolto ai nostri cittadini che si trovano attualmente in quel paese e nell'intera regione del Medio Oriente.

Si stima che circa 50 cittadini macedoni siano in Israele. La sede della crisi non ha un numero specifico di cittadini macedoni che si trovano nei paesi circostanti, e l'unico modo per ottenerlo è attraverso la loro registrazione presso le nostre ambasciate. All’inizio di questa settimana Osmani ha raccomandato ai nostri cittadini che si trovano in quella regione di presentarsi all’Ambasciata, di lasciare i numeri di telefono, in modo da poter essere contattati qualora la situazione dovesse peggiorare.

Oltre all'Ambasciata a Tel Aviv, sono a disposizione dei nostri cittadini le ambasciate al Cairo, Abu Dhabi e Qatar. Tutti i cittadini che si trovano nella regione indicata possono mettersi in contatto con la nostra Ambasciata a Tel Aviv al telefono di servizio 972 549 267 378 nonché ai telefoni di servizio SOS del MAE 075 273 732 e 075 268 376 per prepararsi ad un'eventuale evacuazione.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno