Puzza di elettricità più cara, ma anche di tariffa bassa per tre ore

Beslimoski ha smentito, come dice, le speculazioni più volgari secondo cui il prezzo del pane è legato al prezzo dell'elettricità.

La notizia che dal 1° luglio il produttore statale di elettricità ha fatto un'offerta più alta di centesimi di elettricità, a differenza di prima, ha suscitato ansia nell'opinione pubblica. Dal loro prezzo si applica in gran parte il prezzo finale delle famiglie e dei piccoli consumatori, e il 1° luglio viene pubblicato, come ogni anno, il nuovo listino prezzi.

In attesa dei calcoli finali, il presidente della Commissione di regolamentazione dell'energia, Marko Bislimoski, rassicura che, come organismo di regolamentazione, non hanno mai permesso uno shock dei prezzi sul livello della popolazione e ricorda che sono passati tempi molto più difficili. Allo stesso tempo, ha sottolineato che si stanno facendo delle analisi e che ci si aspetta che saremo il primo paese in Europa ad avere una tariffa bassa per tre ore.

- È stata presa la decisione del governo con la quale il MES offrirà al fornitore universale quantità di elettricità al prezzo di 60 euro per megawattora e sarà coperto l'85 per cento del fabbisogno delle famiglie e dei piccoli consumatori - ha spiegato Bislimoski.

Il prezzo attuale al quale l'ESM vende l'elettricità è di 57 euro per megawattora e ora soddisfa il 95% del fabbisogno delle famiglie e dei piccoli consumatori. Bislimoski si dice preoccupato perché ora coprirà l'85%, il che significa che il 15% verrà fornito sul libero mercato.

- Mi preoccupa il 15% che verrà acquistato sul libero mercato, se si prendono in considerazione i prezzi attuali di mercato, così come i futures, che, a seconda dei giorni, vanno da 80 a 90 euro per megawattora, che è molto più del prezzo del MES. Ma, come prima e come adesso, utilizzeremo tutti i meccanismi affinché non ci sia uno shock sui prezzi per il livello dei cittadini - dice Bislimoski.

Tuttavia, afferma di non poter fornire dettagli sul nuovo prezzo dal 1 luglio, perché c'è ancora una gara aperta fino al 20 giugno, e poi aspetta i calcoli del fornitore universale - EVN Home, che fornisce elettricità alle famiglie e piccole aziende.

Bislimoski ha smentito, come dice, le speculazioni più volgari secondo cui il prezzo del pane è legato al prezzo dell'elettricità.

- I maggiori produttori di pane del paese soddisfano il loro fabbisogno di elettricità sul mercato libero, ovvero oltre il 95% del mercato del pane. Nell’ultimo periodo, i prezzi dell’elettricità sul mercato libero sono molto inferiori a quelli del 2021, 2022 o 2023. I prezzi medi ai quali viene fornita l'elettricità per tutto il mese sono dal 50 all'80% più bassi che negli ultimi anni - ha spiegato Bislimoski.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno