MF: Approvato il riequilibrio modificato del Bilancio, più soldi per la salute, l'ambiente e le infrastrutture

Ministero delle Finanze / Programma di riforma economica / Foto: MIA

Venticinque milioni di denari di fondi aggiuntivi per salute, ambiente, infrastrutture sono forniti dall'ulteriore riequilibrio del Bilancio 2022, adottato dal Governo in seduta odierna, e che dovrebbe essere sottoposto al Parlamento per adozione. I fondi sono stati assicurati attraverso l'accettazione degli emendamenti durante la discussione in commissione in commissione parlamentare Finanziamenti e Bilancio a seguito della proposta di riequilibrio del Bilancio per il 2022. Con loro, tra l'altro, viene risolto definitivamente il problema della discarica industriale di Yugokhrom, sono previsti fondi per mammografie per gli ospedali di Strumica e Negotino, depurazione del letto dei fiumi Vardar e Tresca, ricostruzione del ponte Moroishki e costruzione di una rotonda, documentazione progettuale per il centro culturale Chegrane e altri.

Il riequilibrio della Finanziaria per il 2022 è una risposta alla crisi, cioè un ulteriore intervento è abilitato a tutelare il livello dei cittadini e la liquidità delle imprese fino a fine anno, in condizioni di prolungata crisi energetica e dei prezzi.

Con le modifiche e integrazioni al Bilancio per il 2022, le entrate complessive sono previste a livello di 245,8 miliardi di denari e sono superiori di 6,9 miliardi di denari rispetto alle proiezioni iniziali del Bilancio ovvero del 2,9%. Le spese complessive sono previste a livello di 288,5 miliardi di denari o superiori del 5,9%, ovvero circa 16 miliardi di denari in più rispetto alle proiezioni iniziali con il piano per il 2022. Sulla base delle entrate e delle spese così pianificate, il disavanzo è previsto a livello di 42,7 miliardi di dinari, ovvero il 5,3% del PIL.

Con il riequilibrio vengono erogati 19 miliardi di denari in più in voci relative all'attuazione di misure economiche a sostegno dei cittadini e dell'economia. Tra questi ci sono un sostegno finanziario aggiuntivo di 4,7 miliardi di denari per tutelare il livello dei cittadini e la liquidità delle imprese, 3,2 miliardi di denari per sostenere il settore agricolo, 2,4 miliardi di denari per un reddito minimo garantito, più fondi per la prevista crescita delle pensioni, per stipendi nell'istruzione e nella cura dei bambini, nonché per supportare le aziende a sovvenzionare i contributi al salario minimo.

Le spese in conto capitale sono previste a livello di 32,1 miliardi di dinari, con investimenti previsti in ricostruzioni e ammodernamenti con attrezzature presso istituzioni sanitarie pubbliche, investimenti in conto capitale nel campo dell'istruzione, della protezione dell'infanzia e sociale, nel campo delle infrastrutture stradali, ferroviarie e comunali, adempimento di contratti nel campo della difesa e della sicurezza, nonché un aumento della quantità di fondi per lo sviluppo rurale, ovvero sistemi idroelettrici, sistemi di approvvigionamento idrico e fognario, altre infrastrutture idriche.

La crescita economica nel 2022 è prevista al 3,2%, trainata dai consumi interni, che dovrebbero registrare una crescita del 3,3%. Gli investimenti lordi dovrebbero avere una crescita del 5%, mentre oltre alle spese di bilancio in conto capitale, è previsto un contributo adeguato anche dagli investimenti privati.

Video del giorno