Sulla richiesta di fermare l'offensiva israeliana a Rafah deciderà la Corte internazionale di giustizia

I giudici della Corte Suprema delle Nazioni Unite si pronunceranno oggi sulla richiesta del Sudafrica di ordinare a Israele di fermare la sua offensiva a Rafah e di ritirarsi da Gaza, nell'ambito di un caso più ampio che accusa Israele di genocidio.

La scorsa settimana i sostenitori sudafricani hanno chiesto alla Corte una misura urgente, sottolineando che gli attacchi israeliani contro la città meridionale di Gaza “devono cessare” per garantire la sopravvivenza del popolo palestinese.

Le sentenze della Corte internazionale di giustizia, nota anche come Corte mondiale, sono definitive e vincolanti, ma in passato sono state ignorate. Il tribunale non ha poteri esecutivi.

Israele ha ripetutamente respinto le accuse di genocidio ritenendole infondate. Essi sostengono davanti alla corte che le operazioni a Gaza erano di legittima difesa e che erano mirate contro i militanti di Hamas che attaccarono Israele il 7 ottobre dello scorso anno.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno