Maricic: Questa è una proposta che dovrebbe avere una possibilità

Bojan Maricic, Vice Primo Ministro per gli Affari Europei
Bojan Maricic, Vice Primo Ministro per gli Affari Europei / foto: Dragan Mitreski - Free Press
La cosa più importante di questa proposta è che fornisce le nostre linee rosse, determinate in Parlamento da tutti i partiti politici, ha affermato il vicepremier incaricato degli affari europei Bojan Maricic in un'apparizione a Sitel TV.
-Sono in corso consultazioni e contatti intensi, con i quali vogliamo prendere una decisione in modo sensato e con freddezza. Abbiamo una proposta in cui la lingua macedone è pienamente garantita, senza aggiunte, senza note a piè di pagina, senza asterischi, ed è incorporata nel quadro negoziale stesso, ha sottolineato Maricić.
Il vicepremier Maricic ha sottolineato che SDSM e il governo hanno sempre cercato di lavorare con il maggior consenso possibile e sempre nell'interesse dei cittadini, anche se eravamo costantemente gravati da problemi difficili e problemi con i nostri vicini.
- Possiamo raccogliere subito piccoli punti politici se oggi diciamo no a questa proposta. Ma il problema non andrà via e dovremo cercare di nuovo una soluzione per entrare dignitosamente nell'UE come macedoni con la lingua macedone, ha aggiunto Maricic.
Il vice primo ministro Maricic ha affermato che anche la Bulgaria ha seri cambiamenti di atteggiamento e che la posizione quadro adottata dal Parlamento tre anni fa rispetto a quella che è oggi è completamente diversa.
- Significa che la nostra lotta ha dato i suoi frutti e ha dato risultati. Ora per noi è importante che questa proposta acquisisca legittimità in modo da poterla attuare. Questa potrebbe non essere l'ultima possibilità, ma sarà un'occasione persa se diciamo di no definitivamente. L'ultimo punto è che se decidiamo di dire di no, dovremo spiegare quali sono i prossimi passi. Penso che dovremmo dare a questo momento un'opportunità, ha sottolineato Maricic.
Video del giorno