Maricic: Non c'è modo di imporre soluzioni a questioni storiche

Bojan Maricic
Bojan Maricic a un briefing con la redazione / 4 luglio 2022 / Foto: Facebook, Bojan Maricic

"Dal 2017 ad oggi, la nostra lotta è stata quella di lasciare la storia nel campo degli storici, e questo è esattamente l'obiettivo del Protocollo bilaterale, ma anche dell'intero processo, di lasciare la storia agli storici dove a parità di argomenti ragionevoli , con argomentazioni scientifiche e normalmente in una dinamica ragionevole raggiungeranno o meno un qualche tipo di accordo su determinate questioni", ha affermato il vicepremier per gli Affari europei Bojan Maricic nella sua apparizione come ospite di questa sera su MRTV.

Se le questioni storiche fossero un punto di riferimento o fossero un punto di riferimento, Maricic ha chiarito che allora farebbero parte del processo di "benchmarking" o creazione di compiti specifici e ha aggiunto che non ci sono basi, né basi legali né politiche per una cosa del genere per influenzare formalmente come criterio di avanzamento nelle conversazioni.

"Non c'è alcuna base in questo quadro negoziale per trovare una soluzione affinché qualsiasi figura storica sia il criterio per andare avanti o meno". Ecco perché esiste un quadro negoziale che costituisce la base su cui si misurano i nostri progressi. In nessun modo ci può essere imposta una soluzione, su qualsiasi questione della storia", ha sottolineato il vicepremier.

In questa direzione, Maricic ha affermato che la Bulgaria aveva una posizione diversa rispetto a quella odierna nella posizione quadro originale e che per molti anni abbiamo avuto problemi su come arrivare a questo punto di razionalizzazione.

"Quando abbiamo iniziato questo processo, abbiamo detto che vogliamo una soluzione dignitosa, vogliamo una soluzione che si basi su un compromesso equilibrato e una soluzione che sia basata sui valori europei. Tutto ciò che abbiamo in questo pacchetto soddisfa queste condizioni", ha concluso Maricic.

Video del giorno