Lavrov: Una nuova "cortina di ferro" sta cadendo tra Russia e Occidente

Sergey Lavrov / Foto EPA-EFE / MAXIM SHEMETOV / PISCINA

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che una nuova "cortina di ferro" è stata tirata tra la Russia e l'Occidente dopo l'offensiva di Mosca in Ucraina.

"Per quanto riguarda la cortina di ferro, infatti, sta già scendendo", ha detto Lavrov ai giornalisti a Minsk, la capitale della Bielorussia. Il processo è iniziato, ha aggiunto.

Lavrov ha anche affermato che le relazioni tra Russia e Unione Europea non esistono più.

"(L'Unione Europea) ha distrutto le relazioni che sono state costruite per decenni tra noi e l'UE", ha detto, aggiungendo che Mosca era ancora aperta ai negoziati. Posso solo dire che d'ora in poi non ci fideremo né degli americani né dell'UE. "Faremo tutto il necessario per non dipendere da loro nei settori critici", ha affermato Lavrov.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che il vertice della NATO a Madrid ha dimostrato ancora una volta che gli Stati membri si aspettano obbedienza incondizionata, riferisce l'agenzia russa pro-regime TASS. Lavrov ha chiamato gli Stati Uniti.

"Credo che sia ovvio a tutti cosa si aspettano. Non si astengono dal parlarne, e lo hanno ripetuto ieri al vertice della Nato a Madrid. "Si aspettano obbedienza incondizionata alla loro volontà da tutti i paesi, riflettendo i loro interessi egoistici, soprattutto gli interessi americani", ha detto Lavrov.

"L'Europa rispetta la posizione degli Stati Uniti"

Lavrov ha osservato che l'Europa moderna, rappresentata dall'UE, sta perdendo la sua indipendenza oi segni di indipendenza che aveva una volta. Ha aggiunto che l'Europa obbedisce alle opinioni imposte dagli Stati Uniti e sottolinea che ciò vale anche per le sanzioni economiche imposte alla Russia.

"Se si confrontano le sanzioni imposte dai Paesi europei a Russia e Bielorussia con le sanzioni imposte dagli Stati Uniti, si può vedere che gli Stati Uniti sono indulgenti con se stessi e cercano di non essere troppo attivi in ​​aree che danneggeranno gravemente la sua economia. " ha detto.

Il ministro degli Esteri russo ha affermato che gli Stati Uniti stanno soffrendo gli effetti delle sanzioni, ma ritiene che l'Europa stia soffrendo molto di più. Lavrov afferma che gli Stati Uniti vogliono indebolire sia la Russia che l'UE. "L'UE è in concorrenza con gli Stati Uniti", ha affermato.

Video del giorno