La Cina ha offerto i panda all’Australia nel tentativo di rafforzare la cooperazione

Panda Wang Wang in Australia/ Foto EPA-EFE/ASANKA RATNAYAKE/

Il premier cinese Li Qiang si è offerto di inviare due nuovi panda in Australia durante la sua visita allo zoo di Adelaide.

I nuovi panda sostituiranno i panda esistenti nello zoo, chiamati Wang Wang e Fu Ni, che sono "amichevoli messaggeri delle relazioni sino-australiane", ha detto Li.

L'arrivo di Li in Australia per un viaggio di quattro giorni è il primo di un leader cinese in sette anni, segnando il miglioramento dei legami tra i due paesi.

Sia la Cina che l’Australia vedono la visita come la chiave per risolvere le questioni commerciali e consolari in sospeso. Li ha detto che mentre Wang Wang e Fu Ni torneranno nella loro città natale entro la fine dell'anno, ha promesso che "la Cina presto fornirà un'altra coppia di panda ugualmente belli, vivaci, carini e più giovani ad Adelaide Park".

Una pratica risalente alla dinastia Tang, che regnò dal 618 al 907, la diplomazia dei panda, o l'invio di panda come doni diplomatici, è stata a lungo uno strumento degli sforzi diplomatici della Cina.

La Cina sta cercando di aumentare la propria influenza nel Pacifico meridionale, espandendo la sicurezza e i legami economici con gli Stati insulari storicamente alleati con esso.
Australia.

Questo è stato per anni un punto di tensione tra le nazioni, ma le relazioni bilaterali hanno raggiunto il punto più basso quando l’ex primo ministro australiano Scott Morrison ha chiesto un’indagine internazionale nel 2020 sulle origini della pandemia di covid in Cina. Pechino ha risposto imponendo tariffe elevate, anche sul vino australiano.

I padroni di casa australiani di Lee lo hanno anche portato in un'azienda vinicola durante la sua visita – un evidente promemoria del fatto che Pechino ha recentemente aumentato le tariffe sul vino. Al suo arrivo allo zoo di Adelaide sabato, Lee ha annunciato un disgelo nella spaccatura diplomatica.

"Il rispetto reciproco, la ricerca di un terreno comune pur mantenendo le differenze e la cooperazione reciprocamente vantaggiosa sono fondamentali per una relazione", ha affermato Lee.

Ma mentre i legami tra i paesi sembrano migliorare dopo che il partito laburista ha preso il potere in Australia nel 2022, le differenze permangono ancora.

Queste includono la rimozione delle restanti barriere commerciali e il rilascio del blogger australiano Yang Hengjun, arrestato all’aeroporto di Guangzhou nel 2019. Lee sarà oggi a Canberra per un incontro con il primo ministro australiano Anthony Albanese. Si prevede che Albanese avvii il caso contro Young, a cui è stata comminata una condanna a morte con sospensione della pena per accuse di spionaggio a febbraio.

Mentre Lee è impegnato nel commercio e nella diplomazia dei panda in Australia, i sostenitori di Yang hanno rilasciato domenica una dichiarazione in cui affermano che l'Alta Corte di Pechino ha rivisto e confermato la sentenza del tribunale di grado inferiore.

"La nostra preoccupazione più immediata è che le condizioni mediche di Young rimangano gravi e irrisolte." Esortiamo il primo ministro Albanese a sfruttare il suo incontro con il premier Li Chiang per chiedere direttamente che Yang venga rilasciato sulla parola per motivi di salute".

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 100 DENARI

Video del giorno