La KFOR chiede di essere informata sulle azioni della polizia del Kosovo che potrebbero compromettere la sicurezza regionale

La missione della NATO in Kosovo, KFOR, in una dichiarazione in occasione dell'azione di ieri della polizia del Kosovo, che ha portato alla chiusura di sei filiali della "Cassa di risparmio postale" serba nel nord del paese, ha affermato che in futuro si aspetta consultazioni tempestive da parte della polizia del Kosovo riguardo a tali azioni.

La KFOR afferma di essere stata informata dell'operazione poco prima dell'inizio, sottolineando tuttavia che nell'operazione non è stato coinvolto alcun personale della missione.

"La KFOR è stata informata poco prima dell'inizio dell'azione delle istituzioni in Kosovo contro le filiali della "Banka Poshtenska štedilnica" situate nei comuni settentrionali di Severna Mitrovica, Leposavic, Zvecan e Zubin Potok. Il personale della KFOR non è stato coinvolto nell'esecuzione di queste operazioni. "La KFOR si aspetta consultazioni tempestive su qualsiasi azione della polizia del Kosovo o delle forze di sicurezza del Kosovo (KSF) che possa influire sulla sicurezza regionale", ha affermato in una nota la missione della NATO.

La KFOR afferma che continua a sostenere il dialogo Belgrado-Pristina facilitato dall'UE, fornendo il quadro di sicurezza necessario affinché la diplomazia possa progredire.

"Questo è l'unico modo per risolvere le questioni aperte e raggiungere soluzioni che rispettino i diritti di tutte le comunità. La KFOR continua ad attuare il proprio mandato – basato sulla risoluzione 1244 del 1999 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite – per garantire un ambiente pacifico e sicuro per tutte le comunità che vivono in Kosovo e la libertà di movimento, in ogni momento e in modo imparziale. La KFOR è la terza risposta in materia di sicurezza, rispettivamente dopo la Polizia del Kosovo e la Missione dell’UE sullo Stato di diritto (EULEX), con le quali lavoriamo in stretto coordinamento, ha affermato la KFOR.

L'azione di ieri della polizia del Kosovo è stata valutata come un'azione unilaterale che potrebbe portare a tensioni da parte degli Stati Uniti, dell'Unione Europea, della Gran Bretagna, dell'OSCE e altri.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno