Il Kazakistan senza riscaldamento a meno 30 gradi nazionalizzerà le compagnie energetiche

Il presidente del Kazakistan, Kasim-Jomart Tokaev, ha incaricato il primo ministro Alikhan Smailov di considerare la questione della nazionalizzazione della problematica proprietà energetica.

La decisione è stata presa dopo che migliaia di residenti di Ekibastuz, nel nord del Kazakistan, sono rimasti senza riscaldamento a meno 30 gradi Celsius, in seguito all'incidente alla centrale elettrica.

Tokaev ha affermato che la cattiva gestione di quelle società energetiche "è la causa di incidenti e guasti nella fornitura di energia elettrica".

Durante il governo di Nursultan Nazarbayev, al potere per tre decenni, il settore energetico del Kazakistan è stato liberalizzato ed è passato nelle mani degli oligarchi.

Video del giorno