Rissa in Consiglio giudiziario a causa di una petizione per un giudice per nepotismo e corruzione

Sessione del Consiglio giudiziario/Foto: Screenshot

Quando i membri del Consiglio giudiziario, riunitisi oggi nella 491a sessione, hanno presentato un ricorso contro il presidente del tribunale per nepotismo, parzialità nelle assunzioni e gravi accuse di corruzione, la presidente Vesna Dameva e Loreta Gorgieva, membro del Consiglio, hanno litigato sulla questione ulteriore destino di questa petizione.

Gorgieva, che è la informatrice dell'istanza presentata da un ricorrente anonimo, ha spiegato che in sostanza si tratta di una selezione di lavoro a seguito di un annuncio di ammissione all'albo professionale di un tribunale che richiedeva 23 esecutori testamentari per un certo periodo di tempo, di di cui 19 persone sono state promosse, mentre 4 persone hanno abbandonato la procedura e al loro posto sono state assunte quattro nuove persone, tra cui una donna incinta. Il firmatario anonimo ha affermato che le quattro persone appena ammesse avevano stretti rapporti familiari e amichevoli con il presidente del tribunale, il quale a sua volta ha negato queste accuse di nepotismo. Gorgieva ha aggiunto a questa istanza la lettera esaminata dal collegium del Consiglio giudiziario il 22 aprile di quest'anno con identico contenuto, che è stata respinta in quanto il Consiglio non è competente in materia di occupazione ed è qui che è scoppiata la lite:

- Nella lettera si afferma che il tribunale somigliava ad una cooperazione giudiziaria in cui vengono venduti vari beni e ci sono indicazioni che la persona Silvana abbia prelevato una somma di 5.000 euro. Qui ci sono gravi accuse che indicano nepotismo e comportamento corrotto, e suggerisco che la denuncia insieme alla lettera venga chiusa con una nota ufficiale che si rinvia all'azione competente presso il Tribunale penale statale e l'Ufficio del pubblico ministero - ha chiesto Gorgieva.

- Non ci sono tali accuse nella denuncia. Le accuse riguardano l'occupazione e il Consiglio giudiziario non può pronunciarsi su di esse. Sottoporremo questa lettera ad un ulteriore esame nella prossima sessione. Ora votiamo solo sulla petizione, chiudiamola solo con una nota ufficiale, e le corrispondenze presentate dal giornalista siano trasmesse alle istituzioni competenti - ha detto la Presidente Dameva e si è rivolta alla collega per riformulare la proposta.

– Non riportare e formulare erroneamente. Le lettere sono state allegate come prova alla petizione solo perché si riferiscono alle stesse accuse e sono identiche. Quindi la petizione è con il numero UPP n. 08-65/24, e le lettere all'interno, passate ad un collegium con numero diverso, sono solo un allegato come prova delle istanze - ha detto Gorgieva e ha accusato Dameva di selettività e molestie.

Dameva ha chiesto di fornire tutte quelle evidenze di cui ha parlato il collega, da presentare e riesaminare in una riunione di lavoro alla quale sarà presente il coordinatore, in modo che si possa poi stabilire se saranno presentate nella sessione e cosa è stato deciso.

– Proponi di riconsiderare un articolo finito e archiviato. Hai l'intenzione di distorcere le cose e dovresti esserne ritenuto responsabile. La proposta è mia, mettetela ai voti, ha detto Gorgieva.

Il membro Aleksandar Kambovski ritiene che la lettera non sia seria, sia stata inviata in forma anonima e non vi siano prove di legami familiari con il presidente del tribunale. Le procedure di assunzione sono soggette al controllo di altre autorità, ha affermato.

Ciò su cui gli attuali membri del Consiglio giudiziario hanno concordato è stata la decisione di deferire temporaneamente un giudice al tribunale di base di Berovo e di designare il giudice ad interim. presidente del Tribunale di Berovo, mentre il giudice del Tribunale di Strumica, Biljana Ivanova, è stato nominato presidente ad interim del Tribunale di Berovo fino al 9 ottobre, anche se è stato aperto il dibattito se un giudice del Tribunale di Berovo Il tribunale di base di Stip dovrebbe essere nominato tribunale di Berovo OS Kocani o OS Strumica.

Il Consiglio giudiziario ha preso decisioni sulla revoca dei giudici onorari del Tribunale di base di Struga e sull'elezione dei giudici onorari del Tribunale di base di Struga, e ha inoltre adottato Istruzioni per la modifica e l'integrazione delle Istruzioni sul metodo di calcolo dell'orario di lavoro effettivo.

Il Consiglio ha inoltre esaminato il rapporto della commissione per la graduatoria dei candidati per l'elezione dei dieci giudici presso la corte d'appello di Skopje, in cui sono apparsi ricorsi controversi, vale a dire quattro giudici che volevano avanzare alla corte d'appello di Skopje non hanno presentato i documenti richiesti secondo il bando: certificato di cittadinanza, diploma della Facoltà di Giurisprudenza e diploma di superamento dell'esame di avvocato.

I membri del Consiglio giudiziario hanno convenuto che i candidati giudice del tribunale distrettuale di Tetovo Betim Yahya, Branka Naumovska, giudice del tribunale penale di base di Skopje, Alexandra Pop-Stefania del tribunale distrettuale di Ohrid e Dijana Nacevska del tribunale distrettuale di Skopje sono giudici abilitati con sufficiente esperienza giudiziaria e quindi per ragioni formali, non dovrebbe essere loro negata la possibilità di partecipare alla procedura di selezione dei giudici di appello.

- L'azione di questi giudici mi ha ferito e deluso. Questi sono giudici che mancano di rispetto al bando e alla legge e vogliono avanzare. La legge dice chiaramente che devono avere una documentazione completa e adeguata per poter essere inseriti nella lista dei candidati per essere eletti in seguito - ha risposto Loreta Gorgieva.

Dameva ha fatto riferimento alla prassi della Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) secondo cui "non dovrebbe essere consentito un formalismo eccessivo".

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno