Com'è stata la prima conversazione telefonica?

Alexander Graham Bell
Alexander Graham Bell / Foto: Printscreen/YouTube

Fino all'avvento di Internet, il telefono era una tecnologia in rapida trasformazione. La prima telefonata di successo ebbe luogo il 10 marzo 1876 e ce la fece Alexander Graham Bell.

"Signor Watson, venga qui, voglio vederla", furono le prime parole pronunciate al telefono, e facevano parte di una conversazione tra Bell e il suo assistente, che era nella stanza accanto.

Bell, come suo padre prima di lui, ha trascorso gran parte della sua carriera a studiare la voce e la parola umana. Così ad un certo punto si interessò a un sistema telefonico a lunga distanza, che all'epoca era descritto come un "telegrafo vocale", e sulla base di questo creò il primo telefono con l'ingegnere Tommaso Watson.

Nel giugno 1875 due scienziati furono costretti a trasmettere vibrazioni vocali da un ricevitore all'altro, ma le parole erano irriconoscibili, sebbene fosse chiaro che si trattava di una voce umana. Nel marzo 1876, il sistema aveva compiuto progressi sufficienti da far credere a Bell di essere pronto a trasmettere una voce umana intelligibile, cosa che fece il 10 marzo.

Sei mesi dopo la prima chiamata riuscita, Bell ha anche testato la prima conversazione a lunga distanza tra ricevitori distanti poco più di tre chilometri.

In quel momento la tecnologia telefonica era ancora lontana da un moderno sistema di comunicazione, ma furono gettate le prime basi stabili che, guardando all'istanza odierna, ci permette molto di più del semplice sentire la voce di qualcuno.

 

Video del giorno