Kadyrov: Lisichansk è nostra

Ramzan Kadyrov / Foto EPA-EFE / ALEXEY NIKOLSKY / SPUTNIK

Il leader ceco Ramzan Kadyrov oggi, sul suo canale Telegram, ha scritto "Lisichansk è nostra", alludendo al fatto che l'ultima città della regione di Luhansk che era sotto il controllo delle forze ucraine è caduta nelle mani dei separatisti filo-russi.

Ha informato che le unità sotto il comando dell'assistente capo della Repubblica cecena, Apta Alaudinov, e il secondo corpo della milizia popolare della LPR hanno attraversato l'intera città e hanno raggiunto il centro stesso di Lisichansk.

Anche altre divisioni delle truppe alleate sono entrate con successo nella città di lato, liberando insediamenti dopo insediamenti e distruggendo le forze ucraine.

I civili, ha detto Kadyrov, sono rimasti in città perché "i soldati ucraini non hanno dato loro la possibilità di lasciare la città".

I separatisti filo-russi hanno confermato oggi di aver completamente circondato la città chiave di Lisichansk, nella regione orientale di Lugansk.

"Oggi la polizia popolare di Luhansk e le forze russe hanno occupato le ultime alture strategiche, il che ci permette di confermare che Lisichansk è completamente circondata", ha detto il portavoce delle forze separatiste, Andrey Marochko, per Tass.

Prendere la città consentirebbe ai russi di penetrare più a fondo nella più ampia regione orientale del Donbass, che è diventata il fulcro della loro offensiva da quando non è riuscita a catturare Kiev.

La Russia ha occupato la raffineria di Lisichansk qualche giorno fa. La raffineria si trova a poco più di 15 chilometri dalla città stessa.

Video del giorno